Per la mia strada. Un documentario che parla di donne alle donne.

Il film, che verrà presentato a Milano domani, 28 febbraio 2012, ritrae l'eccellenza del mondo femminile attraverso le storie di otto donne che, con grande determinazione, si sono distinte nelle proprie professioni

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
“È un bellissimo documentario”.
Con queste parole, nel corso di una puntata di “Le Storie. Diario italiano”, in onda su Rai 3,  Corrado Augias ha presentato il film “Per la mia strada”, prodotto dall'associazione Corrente Rosa”.

“Per la mia strada” è un film che parla di donne alle donne: la protagonista, Giovanna, studentessa ventenne in crisi con il percorso accademico intrapreso, si mette in viaggio alla ricerca di risposte che possano far chiarezza nella sua vita. In quest'occasione ha modo di incontrare otto donne eccellenti che con determinazione, umiltà e onestà hanno saputo dar voce ai propri sogni e, in un secondo momento, fare il salto di qualità che ha permesso loro di distinguersi nelle proprie professioni.
Queste donne si raccontano in prima persona, rendendoci partecipi delle loro esperienze personali, dei pregiudizi che hanno dovuto superare, della tenacia con cui hanno perseguito i propri obiettivi e del successo ottenuto.


Giovanna a Roma con Nadia Urbinati
A Roma, Giovanna, incontra Nadia Urbinati, docente di Teoria Politica alla Columbia University di New York e collaboratrice di “La Repubblica”, e Samantha Cristoforetti, prima donna astronauta italiana e unica nel corpo astronauti dell'Agenzia Spaziale Europea.
A Bari, Giovanna Fratta, brillante direttrice d'orchestra; a Milano, Maria Grazia Casiraghi (detta Grazia Neri), fondatrice dell'omonima agenzia fotografica e punto di riferimento nel mondo del fotogiornalismo.
A Londra, Mara Galeazzi, prima ballerina al Royal Ballet; a Porto Marghera, Beatrice Siri, ingegnere navale.
In Friuli, Nives Meroi, la celebre alpinista italiana; a Ginevra, Fabiola Giannotti, scienziato responsabile del progetto “Atlas” al Cern.


Giovanna a Porto Marghera con Beatrice Siri
Insignite delle onorificenze del Presidente della Repubblica (alcune di loro, infatti, sono “Cavaliere”, “Commendatore” e “Grande Ufficiale”), queste otto donne rappresentano un modello di positività per le ragazze di oggi e, in generale, per l'intera gioventù alle prese con scelte di vita significative.

Il documentario verrà presentato e proiettato a Milano, presso lo Spazio Oberdan (Sala Alda Merini), il giorno 28 febbraio 2012 alle ore 18, all'interno di una tavola rotonda dal tema “L'immagine che non vediamo: le donne nei media e nel mondo del lavoro”, cui prenderanno parte “Corrente Rosa”, la direttrice di “Io Donna”, Diamante D'Alessio, il vice-direttore di “Vanity Fair”, Marco De Martino, e una delle protagoniste del film, Grazia Neri.


Il film nasce da un'idea di: Serena Romano.
Scritto da: Emanuela Giordano, Diletta Pistono e Serena Romano
Diretto da: Emanuela Giordano
Prodotto da: Corrente Rosa con il contributo dell'Ambasciata dei Paesi Bassi in Italia, il Ministro della Gioventù, il Comune di Fermo, la Provincia di Roma e con la collaborazione di Rai Cinema
Premi: il Presidente della Repubblica ha conferito una medaglia di rappresentanza.

Per richiedere informazioni: info@correnterosa.org
Tag:  Per la mia strada, Corrente Rosa, documentario, Spazio Oberdan, eccellenze femminili

Commenti

27-02-2012 - 10:39:41 - Ombretta
Molto interessante, forse finalmente si apre uno spiraglio di lavoro anche per noi donne. Ti auguro e spero molto presto di saperti insignita con l'onorificenza di Cavaliere. Te lo meriti!
27-02-2012 - 19:45:13 - Valentina
Sembra proprio un incontro interessante! Ci farò un pensierino!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni