Personal Shopper: una professione per chi conosce e ama il fashion

Un gusto immancabile, una passione per tutto ciò che è moda e shopping. Ma perchè non farla diventare anche una professione?

di Silvia Menini

Pubblicato lunedi, 12 luglio 2010

Rating: 3.9 Voti: 33
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Quante volte si è desiderato trasformare la propria passione in una vera e propria professione e vedere il proprio sogno trasformarsi in realtà?
C’è chi, appassionata di moda e di shopping, ha sfruttato questa passione diventando Personal Shopper. Questa figura professionale deve essere una profonda conoscitrice dei trend e del mondo del fashion, ma anche un po’ psicologa, in quanto incarna non solo una consulente per gli acquisiti ma anche un’amica di cui fidarsi. Lo sa bene Angela Carpio, personal shopper e imprenditrice, che ha fatto della sua passione un business.

Come sei diventata personal shopper?
Ho intrapreso l'attività di personal shopper circa 10 anni fa. Lavoravo in un negozio di lusso e spesso mi capitava di servire molti clienti facoltosi che, entusiasti del mio modo di lavorare e dei miei consigli sulla scelta dell'abbigliamento più adeguato alla loro personalità, mi chiedevano di assisterli nello shopping in altri negozi di lusso della città, perché non erano riusciti a trovare nessuna personal shopper a Firenze. A quel tempo, infatti, la figura della personal shopper era inesistente e ancora sconosciuta. Ho cominciato così, quasi per cortesia, ad accompagnare alcuni clienti in giro per negozi fin quando, a seguito dei numerosi apprezzamenti ricevuti, ho deciso di lasciare il lavoro da dipendente per iniziare questa nuova attività.

Serve una formazione specifica?
Serve sicuramente conoscere il mondo del lusso, come aver lavorato per i marchi più prestigiosi per comprendere i meccanismi su cui si basano questi tipi di attività anche al fine di carpire quelle che sono le aspettative di una clientela particolarmente esclusiva. Serve saper cosa si aspetta un cliente quando si rivolge ad una professionista dello shopping. Solo con tutto questo è possibile servire ogni cliente in modo completo e personalizzato.
Nel corso di questi ultimi anni ho sentito spesso parlare di corsi di "addestramento” a questa attività: credo che non si possa diventare personal shopper in 1 o 3 mesi, si tratta di una professione complessa, che richiede principalmente una grande esperienza nel settore e un grande carisma.

Cosa fa la personal shopper?
La personal shopper è una persona capace di assistere i clienti nella scelta di un qualsiasi bene, da acquistare in modo estremamente personalizzato, seguendo le loro esigenze ma, al contempo, valutandone tutti gli aspetti legati alle tendenze del momento.

Quali sono le doti richieste?
Sicuramente una forte personalità, un aspetto positivo e coinvolgente, una perfetta conoscenza di tutte le tendenze della moda e del design. È necessario conoscere alla perfezione il tessuto commerciale della città e come cambiano le proposte dei principali negozi nei più disparati settori .Serve capire al volo il carattere e gli aspettative di ogni cliente: per questo occorre essere anche un po’ psicologi. È necessario avere una grande padronanza delle lingue più parlate al mondo, dai termini tecnici a quelli di uso più comune e, infine, molto importante...tanta pazienza!

Cosa ami di più del tuo lavoro?
Quello che amo del mio lavoro è osservare la fiducia che i clienti ripongono in me e come gli stessi seguono i miei consigli per migliorare il loro aspetto e perché no... spendere cifre enormi con i soldi degli altri.

Cosa invece non ami troppo?
Quello che non amo troppo è il doversi relazionare con tanti impiegati dei vari negozi spesso poco disponibili. Poi c'è l'aspetto fisico legato a dover girare gran parte della città spesso in tempi ristretti.

Ti è mai capitato un cliente con una richiesta bizzarra?
Molte, però per correttezza preferirei non riportarli. Soltanto una: un cliente russo un giorno mi ha contattata per chiedermi di aiutarlo ad acquistare un souvenir, una tazza da latte con la scritta “Firenze”. Niente di strano, tranne che.... voleva un pezzo originale del periodo rinascimentale.



Angela Carpio
Personal shopper
Borgognissanti,43
50123 Firenze


Tag:  personal shopper, moda, Angela Carpio, Firenze, imprenditrice

Commenti

09-08-2010 - 23:22:00 - anonimo
cosi gira l'economia! evvai
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni