Coats! Per il 60° anniversario sfila il cappotto di Max Mara

A Mosca, settanta modelli raccontano la storia della moda attraverso l'intramontabile capo del marchio italiano

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Photo Courtesy of Guindani/Lucat©SGP
L’esposizione Coats! 60 anni di moda italiana giunge alla sua quarta tappa e approda in Russia, nella suggestiva capitale moscovita.
 
Dopo aver attraversato Germania, Giappone e Cina, dal 12 ottobre al 10 gennaio 2012 la mostra itinerante indetta dal gruppo Max Mara sarà allestita nella prestigiosa sede dello State Historical Museum, un’istituzione a livello internazionale, soprattutto per le sue origini legate alla dinastia dei Romanov ed oggi sede delle più famose collezioni storico-artistiche della Grande Madre Russia.
 
Iniziata nel novembre 2006 con la collaborazione di Adelheid Rasche, storica di moda e arte, la mostra si presenta come un percorso che si snoda lungo le linee del tempo mantenendo una forte direttrice glamour, in un viaggio che esplora l’evoluzione della moda italiana attraverso uno dei più conosciuti simboli del marchio Max Mara, il cappotto.  
 
La mera cronologia è affiancata da un percorso tematico, l’esposizione segue ogni momento storico e culturale dell’azienda, dalla nascita del Gruppo tra gli Anni Cinquanta e Sessanta, per scorrere individuando il legame con l’editoria, la creatività degli Anni Ottanta, la fotografia, fino a giungere all’era moderna con la produzione industriale del Duemila.
 
La cornice nella quale si svolge l’evento presenta i settanta modelli simbolo del Gruppo Max Mara - tra questi il celebre 101801 in cammello, il trench bordato di pelliccia tanto amato da Caterina la Grande - affiancati da bozzetti, scatti d’autore e performance artistiche destinate a stupire, far immergere lo spettatore in un’atmosfera suggestiva, dove la moda incontra l’incanto.
 
Ad arricchire l’esposizione, i capi d’abbigliamento del Gruppo si coniugano con una delle più antiche tradizioni russe, quella del balletto classico. In un’esibizione unica, immortalata dagli scatti del famoso artista di San Pietroburgo Valery Katsuba, nasce l’opera dal titolo ALBATROSS, When memories are awoken by birds, una sequenza di immagini che vede protagonisti Anna Nakhapetova e la compagnia del Teatro Bolshoi di Mosca. Nel momento in cui l’artista lavorava all’intreccio tra moda e danza, studiando proprio le linee del capo protagonista dell’esposizione, prende forma uno spettacolo unico, all’interno del quale equilibrio estetico e forte impatto emotivo confluiscono nella perfezione del risultato finale.
 
E in una rassegna dedicata ai simboli per eccellenza della moda, non poteva mancare un omaggio particolare al Paese ospitante.
Per l’edizione moscovita, Max Mara ha pensato di realizzare una Matryoshka in edizione limitata, realizzata dall’artista Elena Koba, membro dell’Unione degli artisti di Mosca e della Russia, nota per le sue creazioni a livello internazionale.
Una vera opera d’arte che ritrae la modella Maggie Rizer, volto della campagna pubblicitaria MaxMara A/I 1998, con indosso il cappotto cammello simbolo della mostra stessa.
 
Nell’anno delle celebrazioni tra Russia e Italia, per il quale numerosi sono stati gli eventi di gemellaggio, la mostra di Coats! si pone come punto di raccordo tra le due nazioni, nella rievocazione di un anniversario importante, quello di Max Mara, e del primato della moda italiana.    

 
In esposizione fino al 12 gennaio 2012
State Historical Museum, Mosca

Catalogo Coats! Max Mara, 60 anni di moda italiana, edito da Skira, curato da Adelheid Rasche.
Tag:  Max Mara, 60 anni, anniversario, Coats, cappotti, State Hystorical Museum, Mosca, moda

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni