Diario di una bionda fiorentina in USA - L'arrivo a Boston

Come approfittare di ogni minuto di tempo libero dallo studio per dedicarsi a shopping, cene, sport, avventure, viaggi e tanto altro ancora

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Giusto un anno fa ho deciso di fare un Master in Law negli Stati Uniti, esattamente presso la Boston University, Massachusetts, al fine di studiare tutte le branche del diritto commerciale e societario. 

Dopo aver ricevuto il grosso pacco di risposta (sono vere le dicerie americane per quanto riguarda le ammissioni ai college e alle università: se il pacco è grande  vuol dire ammissione assicurata!), è giunto il momento di preparare le valigie. Il saggio consiglio di mia mamma, ossia di non portarmi dietro tutto l'armadio perché tanto avrei sicuramente comprato in loco, si è poi rivelato più che azzeccato.

Quindi mi sono imbarcata diretta verso la prima tappa di questa grande avventura: BOSTON!

Già dall'aereo la visuale della città era mozzafiato, e una volta costeggiato il Charles River per arrivare ai dormitori della Boston University, mi sono resa conto di come Boston sia piena di college, università, highschools, e dunque di studenti, il cui numero equivale a quello degli scoiattoli che si vedono in Central Park.

Ogni confraternita e ogni college ha un proprio stile e un proprio colore come marchio di riconoscimento. La BU punta tutto sul rosso, grigio e bianco, per inneggiare le sue squadre di hockey e basket, e il mega store all'ingresso del viale alberato che percorre tutta l’università contiene ogni genere di gadget doverosamente brandizzato: dalle felpe alle magliette, ai pantaloni per jazz e yoga o per una corsetta sul Charles River, fino a borracce, libri, quaderni, e le immancabili MUG con tanto di stemma. A Boston, infatti, è molto in voga essere un "runner". Lungo il fiume che bagna sia il lato della Boston University che quello di Cambridge (dove si trovano Harvard e il MIT, ndr), a qualunque ora del giorno, si trovano studenti e non solo che corrono indossando la felpa della  loro università come riconoscimento, in abbinamento a ogni genere di scarpa anatomica immaginabile, di quelle che consentono di sviluppare i muscoli in modo corretto e armonioso.

Ecco la mia prima destinazione: NEWBURY STREET, di pochi blocks lontana dalla zona della BU, sia per scovare abitini vintage in piccoli negozietti che per puntare alle grandi marche. 

Rinomatissimo in questa via è senza dubbio Pinkyotto, negozio ultra fashion dove è possibile trovare vestitini di ogni colore, stile e stampa, molto romantici e bon ton. Viene definito dalle ragazze del luogo come il posto che "translate seamlessly from office chic to night-on-the-town glam". Quest'estate, infatti, imperavano le maxi gonne dai colori pastello e le camicie con colletto a sbuffo e maniche un po’ gonfie, perfetti per andare a fare colazione con le immancabili cupcakes di Sweetcupcakes, dolcissime e tenere, così ben confezionate che è quasi un dispiacere mangiarle.

Altri due negozi in Newbury Street da non perdere se si è in cerca di un vestito o un accessorio adatto, per esempio, a una serata al Jipsy (night club frequentato anche dalle Kardashian quando passano in zona), oppure per mangiare le famose tapas a lume di candela al Bar Lola e al Lolita (locali sulla cresta dell'onda per i bostoniani) sono Betsey Jhonson e Forever 21.

Per descrivere Betsey Jhonson ho solo un aggettivo: pazzesco! Cascate di tulle, bustini stretti, lacci 
colorati, scarpe con giganteschi fiocchi di raso, pantaloni paillettati, abiti stile Mad-man anni ‘50 con fiori ricamati... insomma, una gioia per gli occhi.

Poi, volendo dare un po’ di respiro al portafoglio, è consigliabile acquistare accessori per abbellire il look da Forever 21: collane, orecchini, borsette, brillanti, borchie, in un trionfo di colori fluo, tutto a meno di 20 dollari.

Che dire, Newbury Street era una delle mie strade preferite a Boston e adesso sapete il perché!!!

Per ora vi saluto... ma tornerò a breve per proseguire il viaggio attraverso la moda e le tendenze americane, a spasso per l'East Coast.
Tag:  Boston University, Newbury Street, shopping, moda, East Coast, vintage

Commenti

21-02-2013 - 23:56:33 - anonimo
è l'unica cosa importante della tua vita
20-07-2013 - 16:07:49 - anonimo
specialmente se il saggio consiglio l'ha dato la mamma
03-12-2013 - 23:49:49 - Erich
++ study ---shopping!
23-06-2016 - 00:05:21 - anonimo
Puoi indossare tutti i più bei abiti di questo mondo ma non sarai mai la più bella donna della terra!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni