Diario di una bionda fiorentina in USA - Shopping Center

Come approfittare di ogni minuto di tempo libero dallo studio per dedicarsi a shopping, cene, sport, avventure, viaggi e tanto altro ancora

di Eva Materassi

Pubblicato mercoledì, 20 febbraio 2013

Rating: 3.4 Voti: 39
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La seconda tappa di questa avventura parte da una via davvero famosa in quel di Boston, giusto a due passi da Newbury Street, di cui abbiamo parlato precedentemente: Boylston Street!

In questa lunghissima strada si trovano due shopping center rinomati e veramente ben forniti, che si sviluppano all'interno di altrettanti grattacieli, posti uno di fronte all'altro, collegati da una galleria sopraelevata da cui è possibile vedere tutta la città.

Il primo, con negozi più giovanili ed easy going, è il Prudential Center.


Per trovare abiti da cocktail così come un look da ufficio fresco e indipendente consiglio in prima battuta Vineyard Vine's, il cui nome deriva da una chicca di isoletta situata vicino a Cape Cod, conosciuta per essere un luogo di villeggiatura pittoresco, tra preferito dai bostoniani della upper class, e raggiungibile tramite aliscafo in soli 45 minuti.

Oltretutto è stata anche set di alcuni episodi del celeberrimo telefilm "Una Mamma Per Amica" (ndr. "Gillmore Girl").

Un altro negozio dove dare una sbirciatina sempre all'interno del Prudential è Ann Taylor, definito "Chic. Luxurious. Elegant.". Infatti qui è possibile acquistare dal semplice vestitino nero, passepartout per ogni occasione, alle coloratissime giacche giallo, rosa, azzurro e arancio fluo.

Prima di attraversare la galleria di vetro a cielo aperto che conduce al secondo shopping mall, conviene però fare un veloce spuntino al Legal Sea Food, dove è possibile assaggiare la perla di Boston: la zuppa di pesci e crostacei, conosciuta come CLAM CHOWDER e da pronunciare rigorosamente con tipico accento bostoniano, CLEM CHAODA!

Questo centro commerciale è comunque aperto fino a tardi, quindi per fare bella figura al primo appuntamento, oppure per godere di un panorama mozzafiato, verso le 22 (e non più tardi perché in USA si va a letto presto!) potete prendere un drink al Top of The Hub, locale situato al 52esimo piano del Prudential, da cui ammirare lo skyline notturno di Boston, con tutte le luci che brillano e affascinano qualunque spettatore.

Di fronte al Prudential si erge maestoso il suo gemello: il Copley Center.

Quest'ultimo, più raffinato rispetto al precedente, comprende 75 negozi di grandi marche, tra cui Tiffany & Co., Jimmy Choo, Salvatore Ferragamo, David Yurman, Armani Exchange, Louis Vuitton, Emporio Armani, Elie Tahari, Christian Dior, Burberry and so on...

Indubbiamente da vedere, per acquistare qualche capo introvabile in Italia, sono BCBGMAXAZRIA e Neiman Marcus. Il primo è utilizzato per gli abiti da set nel telefilm “Pretty Little Liars”... Le quattro piccole bugiarde sfoggiano innumerevoli look firmati BCBG e appaiono così fashion da essere religiosamente seguite da tutte le teenager americane. Il secondo, invece, è una famosa catena newyorkese impiantata anche nel Copley Center, per evitare alle modaiole bostoniane di dover prendere il treno diretto nella Big Apple.

Dopo tutto questo shopping frenetico è d'obbligo fermarsi al Cheesecake Factory, il mio posto preferito in assoluto: cheesecake di tutte le forme, tipi, gusti e colori, nonché enormi, riempiono il bancone sempre affollatissimo. Le più buone sono sicuramente quelle al gusto cookies e macadamia nuts... Papille gustative in festa assicurate!!!

Queste tappe occuperanno almeno una giornata della vostra visita a Boston...  quindi ve le lascio assaporare in attesa della prossima puntata!
Tag:  Boston, Boylston Street, shopping center, cheesecake

Commenti

04-12-2013 - 00:00:59 - Jeremy
Attends at the university lessons, please!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni