Je M’en Fous by Giulia Zoppas

La riscoperta dei vecchi tessuti e l’importanza degli accessori.

di Eva Materassi

Pubblicato martedi, 22 febbraio 2011

Rating: 4.6 Voti: 141
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Quando la moda è nel tuo sangue fin da piccola, quando lavori da Ralph Lauren a New York e ti dicono che sei così portata per il mondo del fashion che dovresti essere tu stessa ideatrice di una tua linea, quando disegni la tua prima creazione e ne vendi più di quanto ti aspettavi, quando riscuoti subito un enorme successo una volta uscito il tuo primo catalogo senza avere paura di niente, né del giudizio altrui né di utilizzare vecchi tessuti e renderli freschi, nuovi e sexy, andando contro l’utilizzo sempre fatto sia del cashmere che del velluto, quando sei così intraprendente nel riuscirci, non puoi far altro che chiamare il tuo marchio “JE M’EN FOUS”, io me ne fotto!

È questa la filosofia di vita e del marchio, caratterizzato da una dolcissima civetta, creato da Giulia Zoppas, che mette un po’ di se stessa in ogni capo che crea, e che punta allo svecchiamento dei tessuti classici, che mai e poi mai ci si aspetterebbe rendessero una donna sensuale, dolce e romantica.

La linea invernale – preparatevi alla vendita super speciale degli ultimissimi saldi invernali dal 22 Febbraio al 3 Marzo allo showroom in via Chiossetto  16, Milano, dove vi accoglieranno le bravissime collaboratrici di Giulia -  è incentrata sul cashmere, reso languido dai dettagli, come il «golf gufo» smanicato chiuso sul retro da una dorata civetta, simbolo del marchio, o come il seducente abitino grigio con le maniche a sbuffo da indossare in qualunque occasione (portato con molto gusto anche da Chiara Ferragni in versione blu durante uno shooting milanese, ndr), con uno stivale per renderlo “city-style”, o con un decolté nero lucido per una cena a lume di candela… Per non parlare della dolce linea premaman: delizioso il golfino rosa «premaman serafino», portabile anche dalle giovanissime per sdrammatizzare un leggins!
Sempre della collezione invernale ha spopolato quest’inverno tra le nevi di Cortina – il negozio dove trovare i capi di JMF è FALIERO SARTI, Via XXIX Maggio 10 -  il morbidissimo cappotto, rigorosamente in cashmere, con delicato cappuccio di pelliccia (da innamorarsi di quello in color nero con cappuccio beige, o bianco con cappuccio bordeaux!).

Ma passando alle cose più pratiche, e dato l’avvicinarsi della calda stagione, come rinunciare ai carinissimi e intriganti costumini e ai candidi ed attraenti abitini? Per le nostre lettrici che amano mettere in mostra gambe abbronzatissime  e rigorosamente liscissime (lo sappiamo tutte che con l’arrivo dell’estate la nostra migliore amica diventa l’estetista! ndr) è imperdibile il vestitino corto con zip – che permette un gran gioco di scollatura - in nero, bianco, rosso o arancio. Sempre per sbizzarrirsi con i colori, Giulia ha creato una linea di abiti lunghi molto floreali ed etnici, da indossare anche come prendi sole per essere fashion in ogni momento: dall’arrivo sotto l’ombrellone o sulla prua dello yacht, ad una passeggiata in piazza a Forte dei Marmi, con immancabile tappa per un drink all’Alma Rosa prima di andare a prepararsi per la serata!
Una volta riposto il vostro lungo prendisole dentro una delle simpaticissime maxi bag di JMF (da collezionare una ad una, viste le divertenti scritte da mettere in bella mostra come “My other bag is Chanel” o “My sister stole my Birkin”, e ce ne sono molte molte altre!) è giunta l’ora di sfoggiare il vostro stuzzicante costumino: trikini nero, bikini fluo o con le frappe, triangolo multicolor, costume intero incrociato dietro… lasciate libera la vostra fantasia!

JMF è anche accessori: potete trovare (oltre a tutti i capi da sbirciare sul sito www.jemenfous.it e acquistabili online) tazzine, posaceneri, braccialetti di velluto e collanine, tutti accompagnati dall’immancabile civetta, nel negozio monomarca di Conegliano, e negli altri negozi di Firenze, Verona, Udine, Bologna, Bari (a partire da settembre, ndr) e nella stilosissima St. Tropez.
Una volta acquistato il vostro capo JMF scattatevi una foto, inviatela a www.facebook.com/#!/pages/JE-MEN-FOUS/290973546011 e verrete pubblicati anche voi sull’album fotografico “JMF people”… entrate a far parte della community creata da Giulia Zoppas e lasciatevi viziare dalle sue nuove creazioni!
Tag:  Je m'en fous, Giulia Zoppas, Saldi Invernali, bikini, maxi bag

Commenti

22-02-2011 - 08:39:18 - silvia
che figataaaa
22-02-2011 - 09:13:14 - Gine
Brava Evina!!!
22-02-2011 - 09:18:43 - eva
grazie!!!!
22-02-2011 - 09:41:38 - Deus
Che figa la borsa, l'ho vista a Barbara Berlusconi e la voglio regalare alla mia ragazza. La trovo sul sito?
22-02-2011 - 09:42:34 - Ame
Brava Eva....
22-02-2011 - 10:18:26 - eva
@deus la trovi assolutamente sul sito JMF shop online, o scrivi direttamente a JMF su facebook e puoi metterti direttamente in contatto con lo show room... @Ame grazie!!!!
22-02-2011 - 11:29:30 - annina
ho fatto un paio di acquisti al monomarca, delizioso... i vantaggi di vivere nel posto più bello del mondo... :0)
22-02-2011 - 13:49:38 - viola
bravaaaa!!!!!!!! tutti da JMF!!!!!!!! mille baciiii
22-02-2011 - 15:27:05 - eva
@vio, la mia fan numero 1...smuack!
22-02-2011 - 16:40:42 - carla!!!
ma che bella questa linea!!!! comprerò subito qualcosa on line
23-02-2011 - 15:44:44 - Anonimo Veneziano
Scusa ma scrivevi i testi per Lucignolo? L'altro giorno ho visto anche io un prendisole in vetrina e la prima cosa che ho pensato è stata: "Cavoli, certo che con un prendisole così potrei proprio essere fashion non solo sotto l'ombrellone ma anche sulla prua dello yacht, (peccato che mi manchi lo yacht) o per una passeggiata a Forte dei Marmi (peccato che io vada sempre a Borghetto) con immancabile tappa per un drink all' Alma Rosa prima di andare a prepararmi per la serata!". Sono certo che tutti quelli che vedono un prendisole pensino la stessa cosa, un po' come quando vedevano i poster di Benetton dove il cavallo bianco si faceva quello nero e gli veniva subito in mente di comprare un maglione.
23-02-2011 - 16:54:53 - eva
caro Anonimo Veneziano (che già non mette il nome e si nasconde dietro un nickname) l'articolo è fatto per essere divertente, spiritoso e perchè no, strappare qualche risata (vedi yacht!). Le polemiche possono essere fatte altrove. Grazie
23-02-2011 - 17:17:53 - Anonimo Veneziano
A parte il fatto che io potrei anche chiamarmi Anonimo di nome e Veneziano di cognome anche il mio commento doveva essere spiritoso e perché no strappare qualche risata...è prendersi troppo sul serio che non fa mai ridere, purtroppo.
23-02-2011 - 22:05:00 - Cecilia
Caro Anonimo Veneziano, premesso che se veramente fosse un nome reale ti consiglierei di fare causa per danni morali ai tuoi genitori.. dubito perderesti! Considerato il fatto che "Anonimo" mi sembra un nome da maschio, penso tu sia del "gender" sbagliato per immaginare quello che possa pensare una fanciulla quando vede un prendisole, non solo quelli di JMF, ma qualunque prendisole.. ;-) Con Altrettanta ironia, visto che il tuo commento la risata me l'ha strappata (a parte la premessa sui testi di Lucignolo, che non ho capito e il parallelo con i cavalli di benetton che probabilmente mi sfugge.)
24-02-2011 - 09:29:28 - eva
strappare qualche risata non è sinonimo di "far ridere" e "cercare di essere offensivo". saluti da Conosciuta Fiorentina.
24-02-2011 - 10:23:26 - Paolo
No ma scusate, vorrei solo sapere se posso indossare un vestitino JMF senza salire per forza su uno yacht…solo questo! Cara Cecilia, perché non posso immaginare cosa possa pensare una fanciulla quando vede un prendisole, pur essendo un uomo? Ho quarant’anni, faccio l’avvocato e mi piace anche vestirmi da donna! E allora? P.s. Quest’estate tutti in prua! La poppa è out.
24-02-2011 - 12:31:00 - Cecilia
Caro Paolo, ti sei risposto da solo.. sei un uomo! Puoi certamente immaginarti cosa prova un uomo a cui piace vestirsi da donna quando vede un prendisole.. quello che prova una fanciulla.. purtroppo per motivi genetici non lo puoi sapere, fattene una ragione ;-) Detto questo immagino che il prendisole JMF lo si possa indossare anche per andare a far la spesa al mercato..ahahah
25-02-2011 - 08:39:50 - Paolo
Grazie Cecilia, mi hai fatto capire che anni di analista e soldi spesi non sono serviti a nulla…perché alla fine essere omosessuale è una questione genetica! Ne sai una più del diavolo…Andrò al mercato con uno splendido prendisole JMF! Sei veramente avanti!
25-02-2011 - 09:02:13 - anonimo
Carissima Eva e in copia Cecilia, noto nei commenti, specie nel "battibecco" con Anonimo Veneziano una sorta di "difensiva" davvero esagerata!! Siete sicure del "vostro" articolo? (uso il voi in quanto dai commenti si deduce che l'articolo è stato scritto si da Eva, ma sotto dettatura di Cecilia) ..tale reazione è spesso di chi viene criticato e non sicuro dei propri mezzi .. E' proprio così, l'articolo lo trovo piatto, scialbo e privo di veri significati .. mi sembra più che altro il racconto di "una figlia di papà" che gioca a fare la fashion consultant .. ma Amore, scrivere è cosa ben difficile !! .. lascia stare, nella vicina Pomigliano cercano personale!! .. PS ah, e poi mi sento di dire riguardo ai commenti, politicamente scorretti .. in quanto omosessuale mi sento non offeso ma discriminato!! ... che triste .. e dire che MRS mi piace molto!! Renato Cerbiniello - Afragola (NA)
25-02-2011 - 13:08:57 - anonimo
io credo che le polemiche siano inutili perdite di tempo.. piuttosto concetriamoci sull'articolo che ho deciso di portare sempre con me... stampandolo su un bel rotolone di carta igienica cosi' mi ricordero' nei miei momenti piu' intimi dell'aperitivo a Forte dei marmi, Cortina, e tutta quella gente superficiale che non fa parte del mio mondo... MRS è letto anche da un pubblico di semplici studentesse, commesse , e impiegate ... ti lascio pensare carissima.
25-02-2011 - 15:40:10 - clarissa
quanta invidia! Brava Eva!!!!!!!!!
25-02-2011 - 16:26:08 - anonimo
nessuna invidia .. trovo sia un articolo "vuoto" sotto ogni aspetto .. queste poi non sono polemiche, si chiamano osservazioni .. il giorno che la piccola Eva scriverà un articolo degno di "esser letto" non mancherò di farle i complimenti .. Eva prendilo come un incitamento a migliorarti .. saluti a tutti/e Renato "Renè"
26-02-2011 - 16:31:35 - maria sole
io amo jmf!!!!!!! a breve credo mettano tutto su www.jmfshop.it ! io ho comprato on line! funziona molto bene! jmf non ha prezzi cari, vende capi dai 30 a 300 euro! x cui non ha un target da yacht! per niente! anzi! è super hippie! bell' articolo cmq! xxx
27-02-2011 - 11:49:52 - eva
rispondo a tutti, dato che come avete visto ho smesso di ribattere alle critiche, ignorandole. quindi ringrazio chi mi sostiene e mi fa i complimenti e anche chi mi critica perchè grazie a voi ho fatto il RECORD DI VISITE sull'articolo. BARBRA STREISAND uuuhuhuhhuuuh!!!! graaaaazieeeee!!!!
27-02-2011 - 13:49:20 - Max
E ma così è troppo facile. La capacità di confronto dovrebbe essere la prima caratteristica di una buona giornalista, altrimenti tanto vale non dare la possibilità di commentare. Mi stupisco allora che tu non abbia ancora cancellato tutti i commenti critici scritti nei confronti del tuo articolo. A fare un record di visite ci vuole poco, smetterò di cliccare.
27-02-2011 - 14:12:23 - Irene
Anche il Grande Fratello fa record di ascolti....
28-02-2011 - 12:08:54 - La redazione
Puntualizziamo: I commenti positivi e negativi restano perchè è giusto che sia così.. la redazione cancella solo i post inappropriati, vedi insulti o volgarità. ( A tal proposito informo che solo il webmaster ha la facoltà di rimuovere i commenti, i redattori non hanno questao privilegio) Colgo l'occasione per ricordare a tutti che MRS è un magazine e non un blog. Invitiamo quindi i lettori ad esimersi da critiche a titolo personale o dallo sfogare online la loro antipatia nei confronti di qualsivoglia dei nostri redattori. Grazie
28-02-2011 - 13:17:00 - Anna Battaini
Caro Renato, sono parte della redazione di MRS e ci tengo a chiarire che quando un articolo è scritto "a quattro mani" appare come tale! Sono io che carico nel cms gli articoli che invia Eva, quindi puoi credermi se ti dico che se li scrive da sola. Riguardo al fatto che tu ti senta discriminato dal commento di Cecilia, ne prendo atto e me ne dispiaccio, ma non mi sembra che il tono fosse discriminante. Si trattava di un "botta e risposta" ironico tra due lettori. E' superficiale da parte tua dare dei giudizi sulla linea editoriale di un magazine basandoti sui post dei lettori. (quando qualche redattore o capo sezione scrive un post sotto un articolo che non è suo firma sempre con nome e cognome) Tra i commenti scritti sotto un mio articolo mi è anche capitato di beccarmi un "vaffa" e ho chiesto al webmaster di lasciarlo perchè non è politica di MRS applicare censura, alcun genere di censura! Leggi il manifesto MRS se ancora non l'hai fatto e ti renderai conto del perchè. Dai tuoi post l'intenzione di offendere Eva e il suo lavoro mi appare invece molto chiara.. perchè tanta acredine nei confronti di qualcuno che si suppone tu non conosca nemmeno? Buona Giornata Anna Battaini
18-01-2014 - 20:31:17 - Tury
te posso aiutà?
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni