Maria Sole Cecchi e Les Petit Joueurs

Metti un pomeriggio a Parigi.. qualche pezzo di lego e un pizzico di estro!

di Eva Materassi

Pubblicato venerdì, 28 gennaio 2011

Rating: 4.9 Voti: 113
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Mariasole Cecchi è nata il 21 marzo 1987 a Firenze, vive a São Paulo, Brasile e parla ben quattro lingue: inglese, brasiliano - portoghese, francese e italiano. E come mai parliamo qui, su Mondo Rosa Shokking, di questa giovanissima? Perché è la Creative Director di Les Petits Joueurs. Spieghiamoci meglio… Mariasole ha creato (e sta tutt’ora creando) un'edizione speciale di Clutches caratterizzata dalla combinazione di un classico prodotto fatto a mano da esperti artigiani fiorentini combinato con l'innovazione di accessori Lego. Il che rende il tutto allo stesso tempo chic e divertente!
Les Petits Joueurs non è semplicemente un marchio ma una ventata di freschezza. Non si parla, infatti, di stagioni o collezioni, ma di creazioni “Special Edition”. I suoi modelli sono stati pubblicati su numerose riviste nazionali e internazionali e l’abbiamo voluta intervistare anche noi per sapere di più su di lei e sulla sue creazioni.
Eva: Allora Sole, innanzitutto benvenuta nel nostro Mondo Rosa Shokking… Raccontaci un po’, siamo tutti curiosi di sapere com’è nata l’idea di “Les Petits Joueurs”?
Mariasole: Il marchio Les Petits Joueurs nasce a Parigi un anno fa, incidentalmente, giocando con dei pezzettini di lego che avevo a casa. E’ successo tutto per puro caso. Avevo della colla e anche delle vecchie borse che non usavo più.. mi son detta: “perchè no?” E li ho incollati uno ad uno. Erano tutti entusiasti! Le persone mi fermavano per strada dicendomi che volevano comprare la mia borsa assolutamente. Ho iniziato quindi a creare ogni giorno un modello diverso. È stato così che mi sono convinta a dare vita ad un vero marchio di borse/accessori. Pensando al nome, poi, mi sono detta “dovrà essere qualcosa che si mixa bene con l’idea del lego, del gioco, dell’essere diverso e divertente. Di qui, infatti, il nome LES PETITS JOUEURS, che rappresenta per me un po’ tutte queste caratteristiche ed anche il mio stile.
E: Chi ti ha dato l’ispirazione per creare la linea incentrata sui pezzi del lego?
MS: Uno stilista in particolare, il mio preferito: Jean-Charles de Castelbajac.
E: I tuoi familiari, amici e parenti ti hanno incoraggiata?
MS: Gli amici mi spingevano a far sempre più veloce e a creare subito la mia linea… avevano paura che qualcuno potesse farlo prima di me. Sono molto affascinati dalla diversità delle borse ed hanno sempre creduto in me. I miei genitori, inizialmente, non capivano molto bene di cosa si trattasse ma poi si sono fidati e mi hanno totalmente appoggiata, moralmente ma soprattutto finanziariamente. Io li ringrazierò sempre per questo.
E: Dati i tuoi studi precedenti che non erano attinenti al fashion & style, qual è stato il motivo che ti ha spinta a lanciarti nel mondo della moda?
MS: Fin da piccola mi sono interessata alla moda, che per me non è assolutamente ESSERE ALLA MODA! Grazie al lavoro dei miei genitori, che hanno diversi negozi nel settore, quasi tutti i giorni mi trovavo ad aprire scatole di vestiti, a provarmeli, a studiarli... ed è cosi che ho iniziato ad essere affascinata dalle cose belle, ma soprattutto ben fatte e fatte con amore. Non ho studiato moda, ma finalmente quando ho capito che era questo quello che volevo fare, ho scavato nella memoria e ho cercato di dar vita a un qualcosa di speciale e fatto, ovviamente, con amore.
E: Ricordo bene i negozi dei tuoi genitori, avevano marchi che mi piacevano tantissimo. Tornando a noi, hai già in mente altre “creazioni” oltre alla linea che hai sviluppato adesso incentrata sul tema dei “Paesi e luoghi del mondo” (tra cui America, Spagna, Brasile, Francia e non dimentichiamoci dell’Italia…)? Dacci una piccolissima anteprima!
MS: Il mio marchio non è caratterizzato esattamente da collezioni vere e proprie ma da edizioni di poche unità caratterizzate da vari modelli di borsa diversi, dalla clutch alla shopping bag, al porta computer... Oltre ai modelli dei “Paesi” ce ne saranno altri; magari con fiori, animali, simboli... chi lo sa! Per il momento sono molto concentrata a vendere questa prima edizione di clutches.
E: Da Firenze a Sao Paolo, dove momentaneamente vivi, passando per Parigi. A cosa sono dovuti questi trasferimenti? E come interagisci con i clienti di altre parti del mondo?
MS: A Parigi sono scappata per cercare ispirazione, a Sao Paulo sono venuta, in realtà, per amore... ma è davvero una grande fortuna che io sia qua. Il Brasile è un paese meraviglioso! Solamente svegliarsi con il sole ti dà un energia pazzesca e mi mette di buon umore dandomi tante nuove ispirazioni. Economicamente parlando è una potenza incredibile, che ogni giorno cresce sempre di più e da tante opportunità a giovani come me di farsi spazio e togliersi delle soddisfazioni. Sono fortunata anche perché il mio lavoro qua piace molto e il più grande multimarca dell’America del Sud, DASLU, ha comprato già 20 mie unità. Evviva!
E: Ho visto e letto, infatti, che sei già stata intervistata da parecchie riviste brasiliane e sudamericane in cui parlavi dell’impatto della tua linea sui giovani. Giusto appunto: ti capita mai di criticare (anche solo mentalmente) se noti per strada qualche giovane ragazza che indossa brutti accessori e specialmente borse fuori moda?
MS: Effettivamente si! Non c'è niente che mi da più fastidio dello stile volgare, che commento senza vergogna. In ogni caso io non credo negli stili alla moda e in quelli fuori moda. Mi attirano le persone che hanno un loro stile personale, che se ne fregano. E non è detto che una debba avere per forza molti soldi per aver stile.... lo shopping che preferisco è quello che faccio nei negozi dell'usato, VINTAGE. Pensa che il mio vestito preferito mi è costato solo 20 euro!
E: Ho visto, appunto, una tua foto con Guendalina Canessa – che è molto stilosa ed oserei dire originale in maniera esponenziale nel modo di vestire – nella quale indossate le tue creazioni. Quali sono i tuoi clienti Vip, per adesso?
MS: Per il momento ci sto lavorando su, il marchio è ancora molto nuovo… ma presto, spero, avrò buone notizie da raccontarvi.
E: Bene! Quindi aspettiamo tue buone nuove al più presto, magari già tra qualche anno sarai famosissima! Tu da qui a 5 anni dove e come ti vedi?
MS: Spero innanzitutto sposata e felice con il mio attuale compagno, con figli, forse ancora qua in Brasile, vivendo un'altra avventura e chiaramente, lo spero ancora più fortemente, di diventare famosa per il mio lavoro e per ciò che amo fare. Incrociamo le dita!
Ringrazio ancora Maria Sole per averci rilasciato questa intervista e aver parlato della sua idea di moda e delle sue carinissime “creazioni” con noi di Mondo Rosa Shokking. Per curiosare tra le sue borsette e i suoi accessori potete buttare un occhio al sito www.lpjparis.com o alla pagina facebook Les Petits Joueurs. I suoi pezzi sono anche attualmente in vendita da Luisa Via Roma a Firenze e per contattarla potete farlo all’indirizzo mail contact@lpjparis.com. Un grande in bocca al lupo alla nostra emergente, oramai espatriata, fiorentina!
Tag:  Maria Sole Cecchi, Les Petit Joueurs, Lego, Clutches, Borse, Parigi

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni