Micol Zanzuri e il suo Fashion Attack

Se siete a caccia di trend la nostra ospite di Mondo Rosa Shokking, una vera appasionata di moda, ha davvero tutte le risposte e le soluzioni che fanno al caso vostro

di Karin Tononi

Pubblicato domenica, 27 febbraio 2011

Rating: 4.2 Voti: 13
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Micol Zanzuri è nata a Roma e oggi vive a Milano. E' una delle fashion blogger più seguite in Italia con il suo blog FeedYourStyle. Inizia il suo percorso nella moda come personal shopper, ha una sfrenata passione per il vintage e per marchi come Givenchy, Alexander Wang e Miu Miu e non perde una sfilata, anche perché è invitata praticamente a tutte!

Karin: Ciao Micol, prima di tutto grazie per essere nostra ospite! Come e quando ti sei avvicinata al mondo della moda?
Micol Zanzuri: Inizio io con il ringraziarvi di cuore per questa intervista!

K: Ci hai proprio incuriosite con i tuoi episodi di Fashion Attack!
Son felicissima che vi siano piaciuti!
Tornando alla prima domanda, quando sia iniziata la mia passione per la moda non lo saprei dire con esattezza, ma so che mia madre si disperava con me perchè le scucivo e rimontavo i vestiti di nasconto già da quando avevo 12 anni… ma credo che all’inizio mi considerassero più una vandala che un artista!

K: Come definiresti il tuo stile?
M.Z.: Adoro osare con nuove tendenze e look, creare diverse combinazioni e contrasti tra colori e tagli, credo che sperimentale sia la migliore definizione che possa darmi…

K: Sei cool hunter, personal shopper, stylist, fashion-blogger, ma dove passi più tempo? Nel web, alle sfilate, tra macchine da cucire e stoffe o negozi ?
M.Z.: Il mio lavoro è cambiato molto nel passare degli ultimi anni. Fino all’anno scorso la maggior parte veniva occupato da tessuti, disegni, macchine da cucire, lezioni di design, showroom e clienti dalle esigenze quasi impossibili…
Adesso anche se tutto questo fa ancora parte della mia vita, la maggior parte delle mie energie vengono dedicate al web; il blog e l’organizzazione per l’apertura del negozio on line di cui mi occupo sono quasi diventati il mio fool time job.

K: Oggi in You Tube possiamo trovare delle vere e proprie video-lezioni su come creare a casa propria un capo. Com'è nata l'idea di Fashion Attack?
M.Z.: Sul mio blog pubblico spesso foto dei miei outfit, e moltissime volte parte dei capi che indosso sono fatti/modificati da me. I miei lettori hanno iniziato a chiedermi spiegazioni su come poter creare gli stessi pezzi, così ho pensato di unire ironia e tutorial in un video e… beh il resto è venuto da se!

K: Grazie a Fashion Attack possiamo creare un capo unico a casa nostra: credi che chi non ha mai preso “ago e filo” in mano abbia qualche possibilità di farcela?
M.Z.: Qualche possibilità? Certo che possono farcela!!! Bisogna solo provarci! Davvero, sono molto semplici! Se persino Franco Covi (il regista di Fashion Attack) sostiene di poterlo fare, come potreste non riuscirci voi?!

K: Di quale dei tuoi outfit vai più orgogliosa?
M.Z.: Mhh, domanda un po’ difficile… Non so proprio rispondere, non ho uno stile a cui sono particolarmente affezionata, generalmente però ciò che mi rende più orgogliosa è riuscire a creare un bel look spendendo pochi euro. Non sono affatto contraria alle firme, mi sono spesso privata di cene e vizi pur di acquistare un nuovo pezzo “hit”, ma sorprendere qualcuno con un look sfavillante a costo quasi 0 non ha davvero prezzo.


K: A giudicare dal tuo blog hai un vero e proprio debole per le scarpe, un po’ come hai voluto ironicamente dimostrare nel servizio fotografico che ti ritrae a chiedere soldi per strada in quanto diventata povera per aver speso tutto proprio in scarpe! Credo che ognuna di noi un po' si ritrovi in questo: cosa consigli in caso di shoes-attack?
M.Z.: Posso saltare questa domanda?? Temo che non ci sia soluzione! Dovete comprarle e basta!!!! Scherzo, io solitamente quando vengo travolta da questo desiderio incontrollabile mi prendo un giorno di pausa, torno a casa e controllo la mia scarpiera per vedere se davvero non ho già qualcosa che ci assomigli. Se la risposta è no allora inizia il web-surfing, a caccia di un accessorio simile, ma a prezzi migliori. Ecco qualche sito che vi consiglio:

A questo punto se nemmeno il 2° step è riuscito a salvarvi e questa scarpa sembra esser diventato l’unico pensiero che vi accompagna a letto la sera, non vi resta che affrontare la vostra crisi d’astinenza da scarpe nuove.. Controllate il vostro budget e scoprite quali sono i tagli da fare alle vostre spese. Sei disposta a rinunciare alle sigarette pur di avvolgere i tuoi piedini in quel miraggio? Si? Bene, allora COMPRALE!

K: Qual'è il must have per le ragazze rosa shokking della la prossima stagione primavera-estate 2011?
M.Z.: Mini-abiti in sangallo e pizzo bianco… Lunghe gonne, gonne trasparenti, grandi cappelli per un look un po’ bohemien anche in città, jeans a zampa che però sono ormai a vita alta, poco trucco con un tocco di fucsia o arancione sulle labbra, accessori minimal, ciondoli quasi invisibili, borse fluo e grandi foulrad che si trasformano in turbanti. Ma se devo scegliere solo un must-have adatto ad ogni corpo ed età… allora voto per le maglie/camicie XL usate ad abito ed abbinate a pezzi super femminili!

K: Qualche anticipazione per i prossimi episodi di Fashion Attack?
M.Z.: Hey!!!! Non mi vorrai mica distruggere tutta la suspance??


Micol Zanzuri nel web:

Link Fashion Attack
episode 1.  http://www.youtube.com/watch?v=wRe8rywn4jw
episode 2.  http://www.youtube.com/watch?v=gUsWG3B6mTM&feature=related
Tag:  Micol Zanzuri, Fashion Attack, blog, personal shopper, scarpe

Commenti

23-02-2013 - 07:41:04 - marielle02
You can also find lots of amazing apparels by checking out my fave site for: https://www.enviius.com >Gucci Handbags, Prada Handbags, Chanel Handbags, Burberry Handbags Sales! Love to shop here!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni