A tu per tu con Simona Liubicich

Abbiamo intervistato l'autrice di Ossessione color cremisi, un romanzo intriso d'amore e passione ambientato con maestria nella Londra Vittoriana di Jack lo Squartatore

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Ciao Simona e benvenuta su Mondo Rosa Shokking! Trovo che il tuo ultimo libro pubblicato per Harlequin Mondadori, “Ossessione color cremisi, sia perfetto per le pagine del nostro web magazine, non solo perché parla di amore e passione, ma anche per la figura femminile protagonista della storia, Olivia, giovane ed emancipata nobildonna dell’Inghilterra Vittoriana, dedita alle pratiche erboristiche e con un caratterino niente male!

Partendo proprio da lei, ci vuoi raccontare come e quando è nata l’idea di scrivere questo romanzo?
Innanzitutto grazie per l'ospitalità, sono davvero felice di essere qui con voi.
Olivia, protagonista del romanzo, nasce come le mie eroine: cocciuta, coraggiosa e un po' sopra le righe per i periodi nei quali sono vissute, anche se devo dire che il Vittoriano vede le donne maggiormente protagoniste a livello intellettuale rispetto al Regency. L'idea del romanzo nasce per la mia passione per l'Inghilterra e per la città di Londra in particolare. Credo di conoscerla molto bene essendoci stata diverse volte e da tempo pensavo a un romanzo ambientato nella capitale inglese.

Nella Londra di fine ‘800 in cui la tua storia è ambientata, i riferimenti a Jack lo Squartatore erano in programma fin dall’inizio oppure sono arrivati in corso d’opera?
Sono un'appassionata di film e libri horror: Jack the Ripper l'ho letto in tutte le salse, ma i testi migliori sulla sua storia li ho acquistati proprio a Londra in lingua originale. Ambientando il romanzo a fine 800 mi è sembrato quasi naturale inserirlo nella trama.

Il tuo romanzo è ricchissimo di dettagli, che spaziano dall’abbigliamento alle abitudini in società, passando per l’urbanistica e l’atmosfera dell’epoca. In che modo ti sei documentata?
In genere mi documento davvero molto prima di iniziare a scrivere. Ho bisogno di conoscere i dettagli di moda e comportamento sociale per poter affrontare il plot della storia nella giusta maniera. Libri e internet sono i miei alleati maggiori: ore a condurre ricerche, a stampare fogli ed evidenziare le cose salienti.


Courtesy of Harlequin Mondadori
E ora veniamo ai due protagonisti e alla loro burrascosa relazione. Di Olivia abbiamo già parlato e personalmente l’ho adorata. Così dolce nella sua ingenuità, ma allo stesso così appassionata e determinata in ogni sua azione, come affronta l’amore e, soprattutto la consapevolezza di essersi innamorata?
Olivia è una sventata! Un po' come me :) Ama Ethan sin da ragazzina e quando si rende conto di essere braccata in un angolo con un matrimonio che non desidera, ecco che diventa improvvisamente disposta a qualsiasi cosa per avere l'uomo che ama, anche a ingannarlo subdolamente, ma conscia del fatto che lui gliela farà pagare. Correrà il rischio e vincerà la battaglia.

Conte affascinante, brillante investigatore, scapolo d’oro e indomito sciupa femmine. Questo ritratto di Ethan, seppur corretto, potrebbe farlo sembrare un mero concentrato di cliché. Invece il suo personaggio è ben più articolato. Cosa lo rende un uomo speciale, al di là delle apparenze?
La psicologia con la quale cerco di curare i miei soggetti. Forse Ethan è il più "alpha" di tutti, perché l'uomo perfetto a me non piace. Preferisco dipingere i miei protagonisti maschili in modo realista, anche se non sempre sono apprezzati dalle lettrici (vedi Simone Aldobrandini del mio primo romanzo). Mi piace mostrarne i difetti: un uomo che sbaglia ma che è anche capace di slanci passionali, di chiedere scusa e amare davvero una donna.

L’amore, nel tuo romanzo, si traduce anche in passione travolgente, spesso bollente. La carica erotica tra Olivia ed Ethan è fortissima e tu l’hai decritta alla perfezione, con tutti i dettagli audaci del caso. Qual è il segreto per parlare esplicitamente di sesso senza scadere nel volgare? E cosa provi tu quando metti nero su bianco questo genere di scene?
Non è mai semplice affrontare una scena di sesso, anche per una scrittrice di genere. Innanzitutto, si rischia di diventare ripetitive, quindi bisogna cercare sempre di trovare un'atmosfera diversa, un set dove ambientare il tutto e non farlo diventare mai noioso. Per quanto riguarda la volgarità, io affermo sempre che la linea che divide l'erotico dal pornografico è sottilissima e si rischia troppo spesso di precipitare nella mancanza di stile. Quindi, attenzione a COME si descrive la scena, a quali termini si usano e soprattutto ricordarsi in quale epoca si ambienta la scena. Cosa provo io? Difficoltà sicuramente, scrivere ogni volta un rapporto diverso non è certo semplice, coinvolgere la lettrice in una scena di sesso, ancora meno. Di tutta la stesura sono le parti che mi danno più filo da torcere. Una bella sfida.

Pensi che, con i dovuti accorgimenti, la storia di “Ossessione color cremisi” potrebbe essere traslata anche ai giorni nostri? Perché?
Potrebbe, ma è difficile. Insomma, le donne oggi sono molto più emancipate. Non credo che nessuna sia costretta a un matrimonio non desiderato, anzi. Ormai la libertà sessuale ha raggiunto livelli talmente alti che non so neppure più se una donna ambisca davvero al matrimonio.

Se il tuo libro diventasse un film e potessi decidere tu gli attori a cui far interpretare i ruoli principali, chi sceglieresti?
Sarebbe meraviglioso, ci ho messo davvero molto in questo libro, vederlo in televisione come fiction sarebbe un bel sogno che si avvera...
Comunque, volete un cast tutto italiano? Ecco qui...
- Olivia: Cristiana Capotondi
- Ethan: Marco Bocci
- Jacob: Gabriel Garko
- Rothford: Giuseppe Battiston
- Penelope:  Giulia Bevilacqua
- Edward: Giorgio Pasotti
- Anne Chase: Laura Adriani
- Lord Boyle: Michele Placido
- zia Margareth: Sofia Loren

Ho letto che sei un’appassionata di musica rock. Cosa ti piace ascoltare quando scrivi e quale canzone/album potrebbe fare da colonna sonora a “Ossessione color cremisi”?
Quando scrivo il plot "normale" ascolto musica classica, in particolare Vivaldi e le "Quattro Stagioni", delle quali la primavera è la mia preferita. Quando descrivo scene di erotismo passo ai Nightwish, mi ispirano  molto "End of an era " e "Angel fall first". Il rock lo riservo ai momenti fuori dal lavoro per scaricarmi: Angra, Skid Row, i grandi Guns n'Roses e Iron Maiden. Colonna sonora per Ossessione? "She" di Charles Aznavour.

Infine, hai già qualche altro progetto letterario in cantiere?
Certamente. Sto lavorando a un altro vittoriano! Posso solo dirvi che i miei protagonisti si chiameranno Jude ed Evangeline, la storia sarà molto particolare e con un finale diverso dal solito...

Per chi volesse conoscere meglio Simona Liubicich ecco il suo blog: simonaliubicich.blogspot.it

di Simona Liubicich
14 aprile '15, Harlequin Mondadori
Prezzo di copertina €12,90
Formato Kindle €6,99
Tag:  Ossessione color cremisi, Harlequin Mondadori, Simona Liubicich, Amore, Eros, romanzo erotico, Londra Vittoriana, Jack lo Squartatore

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni