Intervista a Federica Brunini

Abbiamo intervistato l'autrice di Sarò Regina che ci ha svelato come è nato il libro e cosa significhi per lei essere scrittrice

di Silvia Menini

Pubblicato martedi, 7 giugno 2011

Rating: 4.6 Voti: 10
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Sonzogno Editori
Hai un lavoro che è il sogno di molti. Ce lo descrivi e ci racconti come sei arrivata ad intraprendere questo percorso?
In effetti scrivere è un sogno, il mio. Che ho coltivato fin da bambina. A otto anni già facevo un giornale tutto mio, da sola, battendo i tasti di una vecchia macchina da scrivere Olivetti di quelle pesantissime, con la base di legno… Mi inventavo tutto: titoli, articoli, temi, interviste. E facevo le interviste con il “microfono” della doccia! Comunque, non so bene se e dove sono arrivata. Quel che so è che per fortuna sono riuscita a vivere, finora, della mia passione. E mi ritengo una privilegiata, anche se tutti i sogni hanno la loro realtà…
 
Cosa ti ha portato a decidere di scrivere un libro su William e Kate?
Il fatto di rendermi conto che saranno loro – e lei in particolare - a occupare le pagine delle cronache mondane da qui in poi… E che lei sarà la nuova regina, la prima dopo Elizabeth.
 
Descrivici in poche parole Kate.
Determinata, seria, intelligente, calcolatrice… E “down to earth”.
 
Secondo te la forse poca spontaneità di Kate e della madre nel calcolare spesso ogni mossa toglie magia alla storia d'amore?
Direi che aggiunge pepe alla love-story! E la rende meno sdolcinata.
 
Come mai hai deciso di scrivere il libro in prima persona?
Non è stata una scelta consapevole dall’inizio. Dopo i primi tre capitoli in terza persona… mi sono scoperta a “sentirmi” Kate. È stato il mio agente a dirmi: “Come mai sei passata alla terza persona”? Io non me n’ero nemmeno accorta… Ma sono contenta della scelta e del risultato.

 
Parlando di te:
 
Descrivi te stessa in 3 pregi e 3 difetti
Vulcanica, determinata, creativa i  pregi… Iperattiva, testarda e dispersiva i difetti…
 
Cosa significa per te essere una scrittrice?
Essere me stessa. E poter sempre avere una storia da raccontare.
 
Qual è l'aspetto migliore e quale quello peggiore di essere una scrittrice?
Il migliore è quello di poter lavorare ovunque e senza necessità di nessuno strumento particolare. Basta la testa e un foglio di carta (e una penna, sì). La peggiore è…stare tante ore seduta al computer. Da sola.

Qualche consiglio per chi voglia seguire il tuo esempio?
Non mollare mai. E scrivere sempre per se stessi, prima che per gli editori.

Quali sono state le sfide con cui ti sei confrontata nel pubblicare il tuo libro?
Convincere la casa editrice della bontà della mia idea è stata la prima. Convincere me stessa che potevo farlo la seconda. Sedermi ogni sera al computer per un mese di fila... la terza.

Chi vorresti ringraziare per averti aiutato a diventare la persona e la scrittrice che sei oggi?
Tutti e nessuno. Mia madre sicuramente, che per prima mi ha insegnato a leggere, e avevo solo 4 anni!

Un progetto per il futuro
Uno? Ne ho almeno tre o quattro in testa! E uno in uscita. Si tratta di “Traveltherapy. Il viaggio giusto al momento giusto” (Morellini), in libreria dal 23 giugno. E poi sto pensando a un’altra bio, magari di Kate Moss…


Leggi anche la recensione di Sarò Regina in DALLA LIBRERIA ROSA SHOKKING 
Tag:  Federica Brunini, Sarò Regina, Kate Middleton, Sonzogno, matrimonio reale, William

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni