Vanessa Valentinuzzi. L'intervista

Abbiamo fatto qualche domanda all’autrice di Volevo essere Audrey Hepburn

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Come e perché hai deciso di scrivere questo libro? Cosa ti ha ispirata?
La prima voce che ho sentito è stata quella di Viola, la protagonista,  che cucinava per una serata del Cous cous club, da lì è partito tutto anche la voglia di raccontare la passione per la buona cucina.

Quanto tempo hai passato a scrivere il romanzo? A quali difficoltà sei andata incontro?
Ci ho messo un anno e diversi mesi per correggerlo, perfezionarlo. Questo perché nel frattempo dovevo anche lavorare come traduttrice… L’ho curato molto e ho cercato di migliorarmi nello stile e a cercare di gestire tanti personaggi diversi. Mi sono comunque, molto divertita a creare situazioni buffe. E’ stata un’avventura splendida.

Come evolve il personaggio di Viola?
Inzialmente ha molta paura dell’amore e anche nel lavoro è irrisolta… pian piano dovrà trovare da sola il coraggio che ha dentro di sé, imparare a fidarsi degli altri e riuscire a raggiungere i suoi sogni.

Cosa rappresentano Filippo e Lorenzo nel romanzo e per Viola? Come evolve la relazione tra di loro e con la protagonista?
Filippo è il suo ex: bello, colto ma inaffidabile. A me fa molto ridere. Lorenzo è un mistero… è molto affascinante ma schivo, apparentemente burbero. Forse però c’è molto altro da scoprire potrebbe rivelarsi dolce come la cheesecake che Viola ha imparato a preparare dalla spumeggiante nonna Miriam!

Parlando di te:

Cosa significa per te essere scrittrice? Come è iniziata la tua avventura?
Scrivere è un momento di assoluta libertà. Lo faccio da quando sono piccola e ho iniziato a tenere un diario…poi sono passata a dei racconti alla Stephen King. In seguito ho partecipato a dei concorsi letterari e ho pubblicato il primo romanzo , Volevo essere Coco Chanel con Avagliano. Lo scorso anno l’editore Newton Compton ha comprato il mio secondo romanzo realizzando il sogno di pubblicare con una grande casa editrice.

Qual è la cosa migliore di essere una scrittrice? Qual è la peggiore?
La cosa migliore è essere liberi di inventare. Dare sfogo alla propria creatività e avere l’occasione di imparare tantissimo confrontandosi con il proprio editor. La cosa peggiore… be’ non c’è. Se rinascessi rifarei questo.

Qualche consiglio per chi vorrebbe seguire il tuo esempio?
Leggere tantissimo, scrivere tutti i giorni e mettersi alla prova con dei concorsi letterari.

Quali erano le sfide a cui sei andata incontro nel pubblicare il tuo libro?
Raccontare una storia che  fosse frizzante, divertente e originale. Un romanzo rosa che facesse venir voglia di realizzare i propri sogni!

Un progetto per il futuro
Il 19 giugno esce un mio racconto nell’antologia rosa “Baci D’estate” edito da Newton Compton.  E poi sto scrivendo il mio terzo romanzo, ambientato in Toscana in un antico casale…
Tag:  Volevo essere Audrey Hepburn, Vanessa Valentinuzzi, Newton Compton, intervista

Commenti

06-06-2014 - 08:46:07 - anonimo
Di questa autrice ho letto 'Volevo essere Coco Chanel' e l'ho trovato bruttissimo,. Poi ho letto 'Volevo essere Audrey Hepburn' e l'ho trovato ancora peggio. Certe autrici pensano che mettere nomi famosi nei titoli e nel testo le renda fashion e più interessanti e appetibili: invece nel suo caso scrive male e trame assurde. Le sue storie non sono ne frizzanti ne divertenti ne originali
06-06-2014 - 08:53:01 - Silvia Menini
Anche se una trama può essere assurda ricordiamoci che a volte la lettura è anche evasione dalla realtà. Buona lettura a tutti!
06-06-2014 - 09:40:48 - Serena Tozzi
Ho letto Volevo essere Audrey Hepburn e mi sono divertita molto. Avevo bisogno di svago e soprattutto di sognare perchè anche io come Viola non ho un lavoro... mi è piacita anche la figura della nonna Miriam: allegra e originale.... Insomma questo libro mi ha tenuto compagnia e mi ha fatto sognare un uomo misterioso come Lorenzo . Sicuramente leggerò anche l'altro libro, Volevo essere Coco Chanel...
15-06-2014 - 18:42:09 - sara misiti
Pessima autrice
17-06-2014 - 09:07:11 - Francesca Guglia
Bello, bello, bello!!! Lettura ideale per l'estate...Già consigliato a tutte le mie amiche!!!
17-06-2014 - 16:58:28 - Cristina De Angelis
Ho letto il suo libro "Volevo essere Coco Chanel" ed ero così entusiasta, che ne ho regalate alcune copie anche alle mie amiche per farne apprezzare la capacità di far sognare chi lo legge.Ora sto leggendo "Volevo essere Audrey Hepburn" e devo dire che la storia è entusiasmante proprio come me l'aspettavo. Certo, chi cerca letture impegnate tipo "Guerra e Pace" ha sbagliato libro. Se invece pensi di volerti rilassare e dimenticare i tuoi problemi quotidiani, allora conviene leggerlo, perchè è proprio bello, ed anche spiritoso.
18-06-2014 - 10:30:36 - Lola D
Bravissima scrittrice.....originale e dal tocco fluido e ricercato... Ho adorato "Volevo essere Coco Chanel"!!!!
27-07-2014 - 11:32:43 - Claudia
Frizzante, musicale, pieno di colori e profumi! Bello! Alla prossima avventura
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni