Curarsi con il cibo di Catia Trevisani

E se bastasse scegliere gli alimenti giusti per curarsi dalle patologie che ci affliggono?

di Silvia Menini

Pubblicato venerdì, 1 marzo 2019

Rating: 5.0 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Terra Nuova edizioni
Il cibo è un momento che sempre più si sta trasformando da mero e proprio nutrimento a un momento di convivialità e rilassamento. Quel cappuccino e brioche bevuto al bar prima di entrare al lavoro e che ci dà lo sprint per iniziare la giornata, il pranzo con i colleghi, la cena in famiglia che, dopo una giornata lavorativa impegnativa, è un momento di vero e proprio relax in cui si gusta il cibo che più si ama e che serve per rigenerarsi dopo una giornata di stress.

Ma ci soffermiamo mai ad analizzare veramente ciò che immettiamo nel nostro organismo e, magari, quei malanni che spuntano giornalmente e che imputiamo allo stress, a un colpo di freddo, al troppo poco movimento o ad altre cause? Certamente non è da escludere ma il cibo ha una forte influenza sul nostro benessere e, anzi, è una prima causa del nostro malessere così come può diventare un veicolo di cura potentissimo e spesso sottovalutato.

Le proprietà dei cibi sono così varie che non c’è veramente che l’imbarazzo della scelta… basta saper scegliere quelli giusti.

Volete qualche esempio pratico?

La cipolla è antidiabetica, diuretica, stimolante, vermifuga, antisclerotica e consigliata anche per curare alcune malattie cardiovascolari.

La psoriasi è spesso riconducibile a una carenza di zinco e vitamina A, sostanze importantissime per la salute della pelle. È inoltre utile assumere cromo, selenio, vitamina D e fibre. Via libera quindi ad aglio, carote, cereali integrali, cipolla, curcuma, frutta, legumi, lievito di birra, miso, olio di semi di lino, ortaggi di colore giallo-arancione, pesce azzurro, semi oleosi e verdura.

Se anche voi credete nel del cibo inteso come nutrimento di corpo e spirito, ecco che questo libro non vi deluderà, in quanto teso a promuovere proprio la consapevolezza del “potere del cibo”. Il pasto può quindi diventare un momento di “costruzione” della nostra salute, nonché di prevenzione delle malattie e di cura.

In un’epoca in cui si spende di più per dimagrire che per mangiare, in cui i piatti pronti e privi di nutrienti vanno per la maggiore, in cui è la pubblicità che influenza le nostre scelte, ci si ritrova spesso con deficit a livello nutrizionali importanti. È sufficiente fermarsi a riflettere e decidere di cambiare le proprie abitudini e abbracciare uno stile di vita più sano ed equilibrato, in cui il cibo è sinonimo di nutrienti, di passione, di amore verso non solo il cibo ma anche verso se stessi. Da questo punto di vista le medicine olistiche sono avanti in quanto studiano anche gli aspetti energetici del cibo e l’impatto che questi hanno sull’organismo.

“Un lavoro di paziente e attenta osservazione e catalogazione ha permesso, nel tempo, la verifica di azioni, reazioni e cambiamenti, che gli alimenti riescono a determinare nell’impatto con l’organismo; sono stati scoperti così alimenti in grado di tonificare l’energia quanto è carente, rimuoverla dove non scorre, nutrire il sangue e dinamizzarlo quando serve, riscaldare se c’è freddo o raffreddare se c’è troppo colore, dirigersi verso un organo particolare che ne ha bisogno, ripristinare l’equilibrio e l’armonia dell’individuo”.

Ecco un manuale pratico che aiuta a riscoprire il cibo e i segreti del benessere che ci permetterà di avere una qualità di vita migliore. Una preziosa guida per individuare i sintomi dei disturbi più comuni e degli alimenti per contrastarli e prevenirli.


1 Gennaio 2005, Terra Nuova edizioni
Pagine 296
Prezzo di copertina €15,00
Tag:  Curarsi con il cibo, Catia Trevisani, alimentazione, benessere, Terra Nuova edizioni, nutriterapia, cibo, dieta, salute

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni