Pranzo di ferragosto

Commedia poetica e commovente ispirata all'universo della terza età. Con Valeria De Franciscis, Marina Cacciotti, Maria Calì, Grazia Cesarini Sforza. Regia di Gianni Di Gregorio - anno 2008 DVD distribuito in Italia da: Fandango Home Entertainment

di Anna Battaini

Pubblicato lunedi, 17 maggio 2010

Rating: 4.2 Voti: 15
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Foto courtesy of Fandango Home Entertainment
Non sono necessari budget astronomici, un regista con una collezione di Oscar sul caminetto o attori di grido per realizzare un'ottimo film. Qualche settimana fa "Pranzo di Ferragosto" ha vinto il premio come miglior Dvd Italiano dell’Anno ai Dvd Awards pur essendo l'opera prima di Gianni di Gregorio e nonostante le protagoniste fossero delle anziane signore che non avevano mai messo piede su un set cinematografico. Di premi questa brillante commedia sull'importanza della vita ne aveva già collezionati, tanto in Italia quanto all'estero – da quello come miglior opera prima "Satyajit Ray Award" al Times BFI London Film Festival al Leone del futuro Premio Venezia Opera Prima "Luigi De Laurentiis", dal David di Donatello 2009 per il miglior regista esordiente al Ciak d'Oro come migliore opera prima -.

Il segreto di questo successo sta nella semplicità della storia e nella spontaneità dei personaggi.
Gianni, single attempato e senza lavoro, è l'unico figlio di "donna Valeria" aristocratica decaduta e bizzosa che ha un rapporto decisamente bizzarro verso la realtà. Con la madre divide un appartamento in un palazzo nel cuore di Trastevere, senza essere in grado di mantenerlo e facendo i salti mortali per non farle capire quale sia in realtà la loro disastrosa situazione patrimoniale.
Alla vigilia di ferragosto Gianni riceve la visita di Alfonso, l'amministratore del condominio incaricato di incassare anni di spese arretrate.
Foto courtesy of Fandango Home Entertainment

Foto courtesy of Fandango Home Entertainmen

Alfonso gli propone un accordo.. sarà lui a saldare i suoi insoluti, in cambio Gianni dovrà ospitargli la madre Marina per la notte e per il pranzo del giorno dell'Assunta.

In ogni commedia che si rispetti la situazione tende a complicarsi: Alfonso si presenta a casa di Gianni non solo con la mamma ma anche con l'anziana zia Maria, completamente svampita. Sopraffatto dalla situazione, e intento a barcamenarsi tra le bizze e i capricci delle tre signore, il malcapitato "neo-badante" non se la passa troppo bene. Come ciliegina sulla torta è costretto a chiamare l'amico medico che da sempre cura gratuitamente tanto lui quanto donna Valeria.

Ognuno ha i suoi problemi. Quello del dottore è dover fare il turno di notte in ospedale in concomitanza con le ferie della badante che si occupa di sua madre – Grazia –. La mamma deve seguire un ferreo regime alimentare, a base di "verdurine bollite condite con farmaci per la digestione". Gianni – impossibilitato a rifiutare il favore all'amico - si ritrova quindi a dover gestire quattro arzille vecchiette stravaganti che inizialmente non sembrano andare troppo d’accordo.

Ma come sempre, nella migliore tradizione della commedia all'italiana, i colpi di scena non mancano e tra una fuga notturna, un assalto al frigorifero, una sessione di chiromanzia e qualche lampo di poesia, questa sbirciatina sull'universo della terza età - la sua vulnerabilità, la forza, la gioia di vivere e una notevole dose di ironia – ci accompagna piacevolmente verso un finale inaspettato.

Se lo avete perso al cinema e cogliete l'occasione per gustarlo in DVD, accompagnato da un buon bicchiere di vino – lo stesso che il regista ha ammesso di aver "realmente" consumato durante le riprese per riuscire a gestire le spassose novantenni che hanno recitato a ruota libera senza l'ausilio del copione.
Tag:  Pranzo di Ferragosto, Gianni Di Gregorio, Miglior DVD italiano dell'anno, Opera Prima, Fandango Home Entertainment

Commenti

21-05-2010 - 19:51:00 - Ginevra
Adoro questo film! è così poetico. E le vecchiette sono fantastiche!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni