Primi passi per una cucina green

Uno stile di vita più green passa anche per i contenitori che scegliamo per i nostri cibi e le nostre bevande

di Laura Argelati

Pubblicato martedi, 26 febbraio 2019

Rating: 5.0 Voti: 12
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Vi siete mai soffermati a pensare a quanti piccoli ma grandi gesti quotidiani ciascuno di noi può compiere a favore dell’ambiente? Pensate alla vostra giornata tipo e scoprirete chesono tante e semplicissime leazioni che potete fare per uno stile di vita più sostenibile.

Uno dei materiali più rinnovabili ed ecosostenibili del pianeta è senza dubbio il bambù, pianta capace di crescere in media un metro al giorno. Con le sue fibre vengono ormai prodotti una moltitudine di oggetti di uso quotidiano, le tazze riutilizzabili in fibra di bambù ad esempio.

Con esse sono realizzate le britanniche Ecoffee Cup per bevande sia calde che fredde: ecologiche poiché non contengono alcun materiale plastico ad eccezione del tappo salva goccia e della fascetta in silicone,durature e bellissime, disponibili in una ampia gamma di design tra cui scegliere che comprende anche motivi realizzati da artisti britannici.
In fibra di bambù anche le WoodWay Bamboo Cup, tazze 100% organiche adatte sia per bevande calde che fredde e lavabili in lavastoviglie. Nell’ampia gamma di prodotti sono disponibili tre diverse taglie e c’è anche la versione da viaggio con l’interno in acciaio. La stessa azienda pensa anche ai più piccoli proponendo coloratissimi set per la pappa dei bambini anch’essi in fibra di bambù; d’altronde si sa che le buone abitudini devono iniziare da piccoli.  

Le JOCO Cups sono invece realizzate in vetro artigianalmente, atossiche ed antibatteriche, studiate per resistere agli shock termici, alle macchie e agli odori; un design ergonomico con manicotto in silicone e tappo a cupola per evitare le fuoriuscite. Valore aggiunto del marchio JOCO è la partnership con il progetto “Take 3 for the sea che invita ciascuno di noi a raccogliere almeno 3 rifiuti trovati sulle spiagge, per contribuire a ripulire i nostri mari. E’ proprio con l’intento di combattere l’usa e getta e la smisurata invasione della plastica che il marchio è stato fondato nel 2008.

In cucina è molto importante anche evitare gli sprechi e per conservare gli ingredienti e gli alimenti esistono molte valide alternative ai contenitori di plastica e alle soluzioni usa e getta.

Dalla Svizzera, Beeco propone i Beeco Wraps per salvare la freschezza degli alimenti senza ricorrere ai fogli di alluminio o alla pellicola trasparente. Questi fogli dalla vivaci fantasie sono realizzati artigianalmente con pura cera d’api, cotone certificato, resina, olio di cocco biologico; autoadesivi, flessibili, riutilizzabili e totalmente naturali servono ad incartare gli avanzi o per trasportare il cibo fuori casa senza produrre rifiuti di scarto.

E quel rotolo di carta da cucina che è sempre a portato di mano ma finisce rapidamente, sapete che può essere sostituito da un prodotto in fibra di bambù, naturalmente antibatterico? Bambaw produce rotoli da cucina composti da 20 fogli lavabili e riutilizzabili che una volta consumati possono essere gettati nel cestino dell’organico, sostituendo 65 strappi usa e getta. Una valida alternativa per salvare il taglio di 50.000 alberi l’anno utilizzati per produrre rotoli da cucina.

E voi, da quale passo green inizierete a dare il vostro contributo per il bene del Pianeta?
Tag:  Ecofriendly, Tazze ecologiche, Fibra di bambù, Conservazione alimenti, Set pappa bambini, Ecoffee Cups, WoodWay Bamboo Cup, JOCO Cups, Beeco Wraps, Bambaw

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni