Le borse firmate Garbagelab: nuove creazioni da vecchi oggetti

Su Mondo Rosa Shokking le interviste ai giovani stilisti che hanno partecipato alla sfilata organizzata da DialogoTv in occasione dell'Innovation Festival, tenutosi lo scorso febbraio presso il Palazzo delle Regione Lombardia a Milano

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
IF, Innovation Festival, l’evento rivolto alla promozione della cultura dell’innovazione, si è tenuto a Milano il 27 e il 28 Febbraio scorsi.

Mondo Rosa Shokking aveva già dato notizia dei laboratori, dei workshop, e delle performance legati a questo importante e internazionale progetto, parlando anche della sfilata di Moda realizzata grazie a DialogoTv, la Tv web Milanese che si occupa di attualità.

Sei giovani ed emergenti stilisti hanno avuto l’opportunità di partecipare al Fashion Show: Gianluca Saitto, Garbagelab, Glix, Laura De La Vega, Riccardo Rizieri e Nicoletta Fasani. Li abbiamo incontrati uno ad uno, per conoscerli e farci raccontare qualche particolare sul loro lavoro e sui loro progetti.
 

Oggi incontriamo i tre creatori di Garbagelab.
Fanno parte di Garbagelab  Daniela Bravi, Francesco Macrì e Simone Colombo. Il loro percorso inizia dalla tv, dalla pubblicità principalmente. Insieme realizzano borse con materiali di recupero come le cinture di sicurezza. Nuova creazione da vecchi oggetti, che non amano definire Fashion, ma  etici e belli.

Quando vi  siete appassionati alla moda e cosa vi ha spinto a intraprendere questa strada?
Garbagelab è composto da tre soci, tre persone diverse che  lavorano allo stesso scopo, ma seguendo percorsi differenti. Garbagelab realizza prodotti recuperando materiali di scarto, come banner pubblicitari in pvc e cinture di sicurezza. Abbiamo deciso di intraprendere questa strada per “fare”: fare qualcosa di nostro, fare qualcosa di etico, fare qualcosa di bello!


Francesco
Quale  è stato il vostro percorso di studi prima e lavorativo poi? Cosa pensate dell’ambiente del fashion?
Noi veniamo tutti dal mondo del video, soprattutto pubblicità e tv; ci siamo avvicinati  al mondo della moda con un atteggiamento molto naif e credo che lo stiamo mantenendo. E’ difficile definire “fashion” le nostre borse, ma in questo non crediamo ci sia un’accezione negativa o positiva.


Simone
Come e a cosa vi ispirate per le vostre creazioni? C’è un filo conduttore costante o ci sono state variazioni legate al passare del tempo e degli eventi?
Le nostre borse sono molto legate all’utilizzo. Sia che si tratti di un pezzo da sera sia che si tratti, invece, di un  portacomputer da “sballottare” tutti i giorni, il processo di ideazione parte sempre dalla funzione: a cosa servirà questa borsa? Cosa la renderà più comoda, utile e adatta allo scopo?
Il nostro filo conduttore è dato certamente dai materiali, materiali poveri nobilitati, che caratterizzano moltissimo il prodotto e rendono differente ogni singola borsa. Lo stile che tendiamo a mantenere, però, è coerente e riconoscibile: borse con forme semplici ma dai molteplici utilizzi, con un taglio molto urban.

Descrivete con tre aggettivi lo stile rapportato al vostro lavoro
Innovativo
Ecologico
Tag:  Garbagelab, stilisti, Innovation Festival, Milano, DialogoTv, borse, materiali di recupero, eticità, stile urban

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni