Le scarpe di Rizieri. Per le donne che si vestono con gusto

Su Mondo Rosa Shokking le interviste ai giovani stilisti che hanno partecipato alla sfilata organizzata da DialogoTv in occasione dell'Innovation Festival, tenutosi lo scorso febbraio presso il Palazzo delle Regione Lombardia a Milano

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Riccardo Rizieri - Broglia Picture
IF, Innovation Festival
, l’evento rivolto alla promozione della cultura dell’innovazione, si è tenuto a Milano il 27 e il 28 Febbraio scorsi. Mondo Rosa Shokking aveva già dato notizia dei laboratori, dei workshop, e delle performance legati a questo importante e internazionale progetto, parlando anche della sfilata di Moda realizzata grazie a DialogoTv, la Tv web Milanese che si occupa di attualità.
 
Sei giovani ed emergenti stilisti hanno avuto l’opportunità di partecipare al Fashion Show: Gianluca Saitto, Garbagelab, Glix, Laura De La Vega, Riccardo Rizieri e Nicoletta Fasani. Li abbiamo incontrati uno ad uno, per conoscerli e farci raccontare qualche particolare sul loro lavoro e sui loro progetti.
 
Oggi parla con Mondo Rosa Shokking Riccardo Rizieri, designer del Marchio  di calzature Rizieri.
Le donne vestite con gusto: questo uno dei motivi che l’hanno spinto verso questo mondo e verso le sue creazioni. La donna è per lui indipendente, forte, per questo deve indossare scarpe eleganti e uniche. Preziose e originali.

Quando ti sei appassionato alla moda e cosa ti ha spinto a intraprendere questa strada?
La moda è qualcosa di naturale, che sento fin da bambino. Io non faccio moda per me, ma per gli altri. L’ispirazione è nata per il piacere di vedere donne ben vestite. Per dare la possibilità di calzare scarpe diverse dal solito, preziose, uniche e rigorosamente artigianali

Quale  è stato il tuo percorso di studi prima e lavorativo poi? Cosa pensi dell’ambiente del fashion?
Provengo da una formazione nell’ambito del fashion design, distinta da corsi di studio e approfondimento presso importanti istituti come lo IED Moda Lab, la Domus Academy, la Bocconi e la laurea quinquennale conseguita presso il Politecnico di Milano, fino al conseguimento del Diploma in “Footwear Collection Development” al Cercal di San Mauro Pascoli, epicentro della cultura calzaturiera Made in Italy.
Ho collaborato alla divisione calzature di Marni per poi intraprendere, nel 2008, il mio personale progetto creativo, basato su valori unici come il “fatto a mano”, l’eccellenza artigianale, la ricercatezza del dettaglio e l’eleganza più esclusiva dell’Italian Style. L’ambiente è sicuramente sempre stimolante.

Come e a cosa ti ispiri per le tue creazioni? C’è un filo conduttore costante o ci sono state variazioni dettate dal passare del tempo e degli eventi?
Mi sono sempre ispirato a una donna molto femminile, romantica, indipendente e forte, una donna di carattere che si permette di osare, restando raffinata e ricercata. Il filo conduttore  delle mie collezione è sicuramente il desiderio di far indossare sempre delle scarpe diverse dal solito, preziose.

Descriviti con tre aggettivi in rapporto al tuo stile e al tuo lavoro
Elegante, attento, colto


www.rizieri.it
Tag:  Riccardo Rizieri, stilista, Innovation Festival, Milano, DialogoTv, scarpe, made in Italy, fatte a mano, originalità, eleganza

Commenti

04-07-2012 - 06:59:32 - anonimo
ho comprato scarpe Rizieri, ho visitato il suo negozio a Brera, ho conosciuto Lui. Lui mi ha servito personalmente. Posso dire solo: estrema gentilezza ed umiltà da parte sua e scarpe veramente eccezionali ed innovative. Un brand che farà strada. Comprate adesso le scarpe Rizieri e vedrete in futuro.....
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni