Mamme da shopping

Sono le donne che decidono se e come spendere. Non solo per sé, ma per tutta la famiglia

di Valentina Paternoster

Pubblicato giovedì, 29 aprile 2010

Rating: 4.2 Voti: 10
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Matriarcato è una parola antica, in disuso o usata a sproposito. È un termine usato in zoologia, anche, per definire il comportamento sociale delle balene, che affidano il proprio destino alla balena più anziana e più saggia, la matriarca appunto, colei che ha la bussola per orientarsi nelle vastità oceaniche.

Ma siamo sicuri che anche la nostra società non abbia la propria balena guida?

Allora proviamo a riflettere un momento: chi decide quando e dove fare la spesa? Chi tiene sotto controllo i conti casalinghi, calcolati meticolosamente come fossero il bilancio di una grande società? Chi decide quando è meglio cambiare l’auto e a quale marca affidarsi?

La donna, ecco qual è la risposta, qualunque sia la sua cultura personale e il suo lavoro. Le donne dimostrano ogni giorno la propria capacità di sopravvivenza economica ed emotiva, alleggerendo e semplificando la vita dei propri figli, mariti e compagni: mettono in campo la loro dote innata di ottimizzazione dei tempi, dei costi e degli spazi. E decidono.

Anche la pubblicità lentamente si sta accorgendo quanto sia influente il parere di una donna sull’acquisto di beni di area maschile. L’auto ne è un esempio palese: da qualche tempo sono sparite le bellone che si sdraiano su cofani e sedili e sono comparse giovani donne sobrie (e vestite!) alla guida, e sempre più giovani padri armeggiano passeggini e ovetti. La pubblicità sceglie dunque di esaltare le qualità dell’auto prendendo come parametro una giovane famiglia con figli e animali. Perché hanno compreso che è la donna a decidere sui parametri di comfort, sicurezza e risparmio.

E le mamme italiane? Beh, secondo una recente ricerca spendono tra i 6mila e i 13mila euro nel corso del primo anno del proprio figlio. E i padri? Se una volta osavano chiedere “Sei sicura, cara, che ce lo possiamo permettere?”, ora spingono in solenne silenzio inframmezzando con qualche sbuffo di noia, la carrozzina all’ultimo grido. Costo? Mille euro, ma la balena sa che può osare e sa anche qual è la direzione da prendere.
Tag:  matriarcato, pubblicità, mamme, donne

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni