A Milano un corso di autodifesa femminile gratuito

Il progetto, denominato “Sicurezza in Rosa”, è promosso dal Comune di Milano in collaborazione con la Polizia Locale. Le lezioni si svolgeranno a partire dal 2 maggio 2012 per sei settimane consecutive presso la sede di via Boeri. Iscrizioni aperte dal 2 aprile 2012

di Chiara Caretoni

Pubblicato lunedi, 2 aprile 2012

Rating: 5.0 Voti: 12
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La prima (e finora l'unica) indagine ufficiale interamente dedicata al fenomeno della violenza fisica e sessuale contro le donne è stata condotta dall'Istituto Nazionale di Statistica, l'Istat, e presentata il 21 febbraio 2007; ricerche di questo tipo, però, sono state messe a punto anche da altri istituti e associazioni negli ultimi anni.
 
I dati raccolti nell'indagine del 2007 sono allarmanti: 6, 7 milioni di donne tra i 16 e i 70 anni hanno subito, nel corso della loro vita, violenze di tipo fisico e sessuale; 7,1 milioni di donne hanno subito violenze psicologiche; e, infine, 2,7 milioni di donne sono rimaste vittime di atti persecutori (stalking).

A fronte di questo studio, molto lungo e dettagliato, rintracciabile sul sito Istat, è cresciuta anche la consapevolezza istituzionale nei confronti di un problema molto diffuso sul territorio nazionale (e non solo) che coinvolge un numero sempre maggiore di donne.
 
Infatti, per cercare di fronteggiare la violenza sulle donne e di offrir loro gli strumenti adeguati per combattere la brutalità dell'uomo, il Comune di Milano, in collaborazione con la Polizia Locale, ha organizzato un corso di autodifesa femminile gratuito, denominato “Sicurezza in Rosa”.

Il corso parte il 2 maggio 2012 e si svolge nelle due palestre e nel giardino all'aperto di via Boeri 7; sono previste due lezioni a settimana (per sei settimane consecutive), il mercoledì e il venerdì, dalle 18.30 alle 20.00.
Il corso è a numero chiuso (fino a un massimo di 24 donne) e possono partecipare solo le maggiorenni.
 
A partire dal 2 aprile 2012 è possibile iscriversi inviando l'allegato presente sul sito del Comune di Milano 
- via mail all'indirizzo di posta elettronica PL.Sicurezzainrosa@comune.milano.it o
- via fax al numero 02 88456605

Dopo aver ricevuto la conferma dell'iscrizione, è necessario produrre un certificato medico che attesti l'idoneità a svolgere attività fisica non agonistica.
Il corso è gratuito e il Comune offre copertura assicurativa.

Le lezioni, tenute dai maestri della Scuola del Corpo della Polizia Locale abilitati all'insegnamento e alla pratica delle arti marziali, sono articolate in due fasi distinte: la prima fase è dedicata alla preparazione fisica e al perfezionamento dei fattori forza, resistenza e velocità; la seconda fase, invece, è riservata all'acquisizione di tecniche specifiche di difesa.


Per ulteriori informazioni telefonare al numero: 020202
Tag:  Violenza sulle donne, stalking, corso di autodifesa femminile, dati Istat, Comune di Milano, Polizia Locale, Sicurezza in Rosa

Commenti

02-04-2012 - 17:37:18 - Ombretta
molto utile, peccato che io non possa affrontare una simile preparazione a causa dei miei problemi di salute. Spero che le donne frequentino il corso ed essendo a numero chiuso di sole 24 donne ripropongano altri corsi.
10-03-2013 - 00:58:16 - Paola mamma di 5 femmine
Bellissima iniziativa, peccato che io per problemi di ernia al disco non potro' partecipare. Mi dispiaceanche che questo tipo di corsi non vengano fatti anche alle ragazzine , almeno dalle medie in su', cosi' invece di far partecipare solo due delle miefiglie , includerei anche le altre tre. Cmq ottima iniziaativa dapromuovere assolutamente. Grazie.Paola
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni