Democrazia paritaria, no grazie.

Al Tar Lombardia piace così.

di Valentina Paternoster

Pubblicato martedi, 8 febbraio 2011

Rating: 4.3 Voti: 4
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Ieri finalmente il Tar si è pronunciato in merito al ricorso dell'Associazione Art. 51 contro la Giunta Formigoni, accusata di avere tra i propri membri, scelti direttamente dall'uomo a capo del Pirellone ormai da tempo immemore, una sola donna. Una sola donna tra i sedici assessori scelti personalmente dal Presidente.

Parlammo a giugno della presentazione del ricorso e delle motivazioni, partendo proprio da quel concetto di "democrazia paritaria" per cui molte associazioni dall'esterno e molte donne all'interno del consiglio regionale si sono battute, per mesi, fino all'approvazione definitiva dello Statuto della Regione Lombardia. Un principio poi da tutti propugnato nelle parole ma non nei fatti. La Giunta Formigoni è, in fin dei conti, una delle risultanti di un comportamento contradditorio, e il ricorso al Tar una diretta conseguenza.
Ebbene, la sentenza negativa fa riflettere, in un momento come questo, di mobilitazione da parte delle donne: scendiamo in piazza per abbattere i soffitti di cristallo, andiamo nei tribunali, parliamo con cognizione di causa davanti a parlamentari, assessori, consiglieri. Eppure questo limite all'espressione dei talenti femminili persiste ed è davvero duro a morire. Siamo davvero così convinti di poterci permettere di sprecare il 50% di talenti e di lasciarli nell'angolo, magari relegandoli tra le quattro mura domestiche a sfornare figli (ma chi li fa i figli, a queste condizioni, poi?)?
Perché il senso della sentenza sembra veramente l'ultimo rimasuglio di un potere maschile e maschilista legato alla tradizione patriarcale, una cultura morta e sepolta che sopravvive nei circoli della politica e dell'economia gerontocratica e poco avvezza al cambiamento.

E ora, cosa rimane, dunque? "Il ricorso al Consiglio di Stato, un possibile ricorso in sede europea e, intanto, una parcella da trentaseimila euro, che onoreremo fino all'ultimo centesimo", afferma, con rabbia mista a sarcasmo, Angela Ronchini, presidente dell'Associazione Art. 51 promotrice del ricorso.
Tag:  Associazione Art. 51, Angela Ronchini, Formigoni, Tar, democrazia paritaria

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni