Pillole di questione femminile secondo l’Istat

Basta un poco di zucchero e la pillola va giù?

di Valentina Paternoster

Pubblicato lunedi, 12 settembre 2011

Rating: 3.5 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
“La crisi ha aggravato i problemi strutturali relativi dell’occupazione femminile, in particolare in tema di qualità del lavoro. Sono aumentati i fenomeni di segregazione verticale e orizzontale, si è ampliata l’area degli impieghi non standard, si è acutizzato il sottoutilizzo del capitale umano, e sono cresciuti i problemi di conciliazione tra tempi di vita e di lavoro.” (pag 148 del Rapporto Annuale Istat 2010)

Ben il 23% delle donne svolge mansioni lavorative sottoqualificate rispetto al proprio titolo di studio. Indipendentemente dall’età il capitale umano delle donne è sottoutilizzato rispetto a quello degli uomini.
 
La retribuzione netta mensile delle lavoratrici dipendenti è inferiore del 20% a quella degli uomini: 1.096 euro contro 1.377 euro (dato influenzato dalla forte diffusione del part time femminile); tra i lavoratori a tempo pieno il divario è più netto tra laureate (1.532) e laureati (1.929). Senza dimenticare che il differenziale salariale aumenta con l’età (le donne hanno carriere più discontinue, dovute alla nascita dei figli e alla maternità) e che beneficiano meno degli uomini di bonus in busta paga (incentivi, straordinari).  
Il lavoro temporaneo femminile è il 14,3% del totale, gli uomini sono meno del 10%. Più elevata anche la probabilità di svolgere un lavoro atipico nella fase iniziale della carriera (28% per le 25-29enni e 18% per le 30-34enni); poiché parliamo della fasce di età “fertili”, possiamo ben immaginare come la nascita di un figlio spesso possa comportare il non rinnovo del contratto e la stabilizzazione lavorativa.

Usciamo male anche dal confronto con l’Unione europea: la crisi ha acuito il divario che il nostro Paese ha sempre avuto rispetto al resto d’Europa. Il tasso di occupazione femminile è del 46,1% (-12 punti rispetto alla media europea). Il tasso di inattività dal 2005 è peggiorato: il gap è passato da 12 punti a 13,4 punti percentuale. Permangono differenze dovute al livello di istruzione: il tasso di occupazione delle laureate è di oltre il 70%, quello delle donne con bassi titoli di studio al di sotto del 30%, sebbene entrambi rimangano ancora lontani dal dato europeo (rispettivamente 79% e 37%). Le donne italiane con figli sono ancora più svantaggiate e presentano gap maggiori rispetto alle donne europee, specialmente dal terzo figlio in poi e se hanno bambini fra 6-12 anni (15 punti di differenza).

Le fasce centrali di occupazione femminile (25-54 anni) usufruiscono del part time in maniera simile al resto d’Europa se non hanno figli (una su 5), ma assai meno se hanno 3 o più figli (38% contro 46%); tuttavia aumenta il part time involontario: 43% in Italia, 22% in Europa. La conclusione? In Italia la flessibilità oraria è più un’esigenza delle imprese, mentre in Europa è uno strumento di conciliazione dei tempi vita-lavoro.

Il modello di partecipazione femminile al lavoro è cambiato radicalmente: le donne entrano sul mercato del lavoro in età più avanzata (più o meno quando le generazioni precedenti ne uscivano), hanno aspettative maggiori (dovute anche a livelli più elevati di istruzione) e non hanno intenzione di uscirne prematuramente; sebbene i percorsi lavorativi appaiano frammentati (22% delle donne ha interrotto il lavoro per motivi familiari, compresi matrimonio e gravidanza, solo il 3% degli uomini ha dovuto farlo), specialmente tra le donne con bassi livelli di istruzione (40%, solo 17% tra le laureate) e al Nord (35% contro 22% del Sud).
Per fortuna oggi il fattore matrimonio non comporta più un’interruzione del percorso lavorativo, mentre ha ancora un peso la nascita di un figlio (14% delle donne abbandona il mercato a seguito di tale evento). Anche in questo caso abitare al Nord ed essere poco istruite sono fattori che influenzano negativamente i percorsi di vita.
 
Le donne spesso sono obbligate a interrompere il lavoro alla nascita di un figlio: nel 2009 ben 800.000 madri (Mulsticopo Istat, Uso del tempo) hanno dichiarato di essersi dimesse o essere state licenziate a causa di una gravidanza: parliamo quasi di una madre su 10.
Può sembrare paradossale, ma le più svantaggiate in questa classifica sono le donne giovani (nate dopo il 1973); altri fattori di rischio sono la residenza al Sud, la bassa istruzione, essere occupate come operaie (e con partner operaio e poco istruito). Tra le donne che abbandonano il 40% riesce a rientrare sul mercato, ma ancora una volta è più difficile per chi abita al Sud (23%).

 
Tag:  Istat, donne, figli, occupazione

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni