In visita alle Cantine Montagna. Il racconto della degustazione

Sabato 24 settembre si è svolto il primo incontro in cantina organizzato da Mondo Rosa Shokking per conoscere la realtà enologica della Lombardia e dell'Oltrepò Pavese in particolare

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Una soleggiata e calda giornata di fine settembre in un contesto sicuramente all'altezza delle aspettative: ecco il primo incontro in cantina organizzato da Mondo Rosa Shokking, tenutosi sabato 24 settembre presso le Cantine Francesco Montagna a Broni, in provincia di Pavia.
 
Marzia Cordini ci ha accolto calorosamente nella sua Cantina, spiegandoci in maniera dettagliata la storia e i progetti per il futuro, oltre a dare un quadro preciso del territorio dell’Oltrepò Pavese, quale bacino importante nella produzione di vino per la Lombardia, e non solo.
 

Le Cantine Francesco Montagna sono costituite da 16 ettari di proprietà ma acquistano vino anche da altri agricoltori, tanto che come realtà aziendale privata in Oltrepò Pavese sono di grandi dimensioni.
Producono infatti 600.000 bottiglie all'anno circa e abbracciano diversi filoni di produzione: sia vini che derivano unicamente dalle uve selezionate dei loro vigneti, per un totale di 3.000 bottiglie l’anno, sia da uve acquistate da terzi che servono per produrre tipologie di vini di pronta beva, quali ad esempio la Bonarda, Pinot Nero bianco frizzante, che sono destinati al circuito delle enoteche e dei ristoranti, ma anche alla grande distribuzione.
 
Ci siamo quindi soffermati nella zona della pigiatura, dove i camion scaricano le uve che da lì prenderanno poi strade diverse sulla base di tipologia e relativo processo produttivo.
 
La cantina raccoglie le vasche termo-condizionate per lo stoccaggio del vino in formazione, oltre a barrique in legno francese dove viene riposto il vino che ha bisogno di ammorbidirsi e affinarsi.
 
Tra storia, chiacchiere e curiosità abbiamo quindi degustato i vini scelti a rappresentare l’azienda. E siamo rimasti tutti estremamente entusiasti!
 

Metodo Classico Pinot Nero cuvée della casa “Bertè Cordini” 18 mesi: Un vino dalla spuma ricca ed evanescente e un perlage fine. Il suo profumo floreale e fruttato si accostano a quello tipico di crosta di pane determinato dai lieviti, per finire in sentori di miele. Fresco, complesso e pieno di equilibrio.
Metodo Classico Pinot Nero Cuvèe tradizione “Bertè Cordini” 24 mesi: Il profumo di fiori bianchi e frutta come pera e frutta tropicali sono predominanti.  Al palato è fresco e invitante ma complesso.
Metodo Classico Pinot Nero Cuvèe Rosè “Bertè Cordini”: Colore rosa classico, brillante, cristallino. Spuma soffice e ricca, perlage fine e persistente. Profumo floreale e fruttato con sentori di fragola, fruttini rossi e fine  pasticceria. Al palato è pieno, fresco, complesso e  armonico.
In abbinamento abbiamo associato del formaggio grana con taralli e grissini

Riesling O.P. Doc 12% vol. vendemmia 2009 “Viti di Luna”: Colore giallo paglierino scarico con sfumature verdognole. Bouquet floreale in particolare di fiori bianchi e fruttato con sentori di mela golden.
In abbinamento abbiamo associato una frittata ai porri

Sauvignon O.P. Doc 13% vol. vendemmia 2010 “Masaria”: Colore giallo paglierino. Profumo delicatamente fruttato con una leggera vena aromatica. Sapore piacevolmente morbido e beverino.
In abbinamento abbiamo associato un rotolo di caprino e salmone

Rosso O.P. doc 14,5% vol. vendemmia 2006 “Valmaga”: Dal colore rosso ciliegia molto profondo e denso. Il profumo dopo le note di frutta sovrammatura e confettura, si apre a sensazioni tostate e speziate di estrema eleganza. Al sapore risulta caldo, pieno e con tannini importanti ma dolci. Vino da lungo invecchiamento
In abbinamento abbiamo associato del salame (taralli e grissini)

Passito “Mufi” 14% vol. vendemmia 2006 Bertè Cordini: Dal colore giallo dorato intenso, brillante e dal profumo altrettanto intenso che si apre, dopo le prime note di frutta matura, albicocca e pesca, a sensazioni dolci di fichi secchi, frutta candita e miele e ancora si percepiscono le note vanigliate miste alle speziate fino alla nota minerale.
In abbinamento abbiamo associato del formaggio Roquefort

Sangue di Giuda O.P. doc 7,5% vol. vendemmia 2010 “Viti di Luna”: Colore rosso rubino intenso. Profumo vinoso intenso. Sapore pieno, di corpo. Vivace naturale, dolce.
In abbinamento abbiamo associato il Tiramisù


Un grazie speciale a Marzia per la sua generosa ospitalità (e alla mamma per il cibo buonissimo!)
Tag:  Mondo Rosa Shokking Wine Tour, degustazione, Marzia Cordini, Cantine Francesco Montagna, Oltrepò Pavese primo incontro

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni