Agnes Obel, la rivelazione di Grey's Anatomy

Grazie all'inserimento di Riverside nella colonna sonora del famoso telefilm americano, Philharmonics è un successo mondiale

di Martina Pugno

Pubblicato sabato, 21 maggio 2011

Rating: 3.0 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Contrariamente a quanto pare voler affermare l'industria discografica, soprattutto negli ultimi anni, non c'è un'età per diventare famosi: così capita che a 31 anni, di colpo, una donna inizi a spopolare sulle radio di tutto il mondo. La donna in questione è Agnes Obel, cantautrice danese che deve la sua fortuna ad un notissimo telefilm americano, Grey's Anatomy. Da quando il suo brano Riverside è stato incluso nella colonna sonora, la Obel è diventata improvvisamente una celebrità internazionale, pronta perfino ad affrontare un tour europeo che la porterà in Italia per tre date: dopo il concerto di ieri sera al teatro Blu di Milano, la Obel si esibirà questa sera al Circolo degli artisti di Roma, per poi fare la tappa conclusiva domani sera a Bologna, alla chiesa di Sant’Ambrogio.

Canzoni intimiste, nostalgiche, eseguite con voce gentile e appena sussurrata su linee di piano ricche di espressività melodica e al tempo stesso armonicamente interessanti sono quelle che compongono questo album d'esordio pubblicato lo scorso ottobre. Data la comunanza dello strumento, Agnes Obel è stata per certi versi paragonata a Tori Amos, anche se l'ascolto rivela presto che le due rappresentano modi molto diversi di fare musica: per nulla amante della provocazione, alla Obel manca totalmente la rabbia, il desiderio di rivalsa e di provocazione che caratterizza molti lavori di Tori. Ma se è vero che la musica della cantautrice danese è meno passionale, non è certo meno appassionata, nel suo delicato modo di riproporre fotografie di vita. Ciò che le due hanno in comune è la capacità di introspezione e di tradurre la propria intimità in vera arte.

Philharmonics è un percorso che riunisce in sé molti secoli di musica, facendo risuonare nelle armonie vocali e strumentali gli echi della tradizione pianistica, ma attingendo anche a larghe mani dal folk e dalle musiche popolari del Novecento. Così tra i brani inediti trovano spazio anche una cover di John Cale e di un classico folk, senza stridere tra loro. I singoli Just So e Riverside sono due esempi su tutti di come Agnes Obel sia riuscita a creare un mondo artistico del tutto personale e degno di interesse. Che di certo non è cosa da poco.


Riverside

Just so
Tag:  Agnes Obel, Philharmonics, Dischi in uscita, date concerti, Recensioni album

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni