Lana Del Rey: un fenomeno già in declino?

La carriera della cantante statunitense è stata messa in crisi da una disastrosa esibizione al “Saturday Night Live”. Annullato il mini-tour in programma per la primavera

di Chiara Caretoni

Pubblicato venerdì, 10 febbraio 2012

Rating: 4.5 Voti: 16
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Lana Del Rey, al secolo Elizabeth Grant, ragazza statunitense dall'aspetto vintage - che in quanto a bellezza sembra una Veronica Lake dei giorni nostri - può sicuramente vantare una tra le carriere più repentine nel panorama musicale di sempre.
 
Consacrata dal web come la rivelazione dell'anno, raggiunge l'apice del suo successo proprio grazie a You Tube: il video di “Video games”, il secondo singolo tratto dall'album “Born to die”,  registra, da novembre, oltre ventisei milioni di visite. In soli due mesi, la Del Rey sale sul gradino più alto delle classifiche, imponendosi con cifre record su ITunes e con oltre 117.000 copie vendute del disco d'esordio.
Il tam-tam mediatico si diffonde proprio attraverso quei canali che ne hanno reso possibile l'ascesa: blog, magazine e social network si schierano in prima linea per promuovere la nuova icona indie-pop.

Ma, si sa, molto spesso il web si rivela essere un'arma a doppio taglio: con la stessa velocità con la quale “crea” o “scopre” un personaggio, è anche in grado di “distruggerlo” alla prima mossa falsa,  ribaltando completamente l'opinione pubblica, da favorevole ad avversa.
Ed è ciò che è capitato a Lana Del Rey.
 
Il clamoroso errore imputato alla cantante si riferisce alla sua disastrosa performance durante il programma americano “Saturday Night Live”, nel quale era stata chiamata a intonare (ma visto il risultato, “intonare” non risulta essere il termine più appropriato) la tanto amata e già citata “Video games” e un altro singolo, “Blue Jeans”.
 
Avvolta in un lungo abito da sera color rosa antico, la Del Rey è apparsa un po' intimidita e impacciata davanti al pubblico, e la sua prima esibizione live è stata inficiata da prolungate stonature nei confronti delle quali sono rimasti tutti, senza alcun dubbio, parecchio perplessi.
Immediato il seguito di critiche apparse in rete, anche da parte di chi, fino a qualche giorno prima, acclamava a gran voce e incensava la star newyorkese.
Inoltre, la fallimentare esibizione, non ha solo scatenato numerose polemiche circa la reale bravura artistica della cantante: ulteriori pecche, estranee alle sue capacità performative e musicali, sono infatti emerse, questa volta però incentrate sul personaggio in sé.

Ciò che innanzitutto le si contesta è il nome d'arte scelto - che nasce dalla combinazione tra quello dell'attrice hollywoodiana “Lana Turner” e quello dell'automobile “Ford Del Rey” -, ritenuto troppo “pomposo” e costruito (nonostante di nomi d'arte ancor più studiati ad hoc ce ne siano numerosi e molto più altisonanti… “Madonna” e “Lady Gaga” su tutti!).
Si va poi ad aggiungere il sospetto di una chirurgia estetica al viso che, considerata l'età della ragazza (classe 1986), sembra essere piuttosto prematura, a tal punto che anche il celebre stilista Karl Lagerfeld si è espresso in merito, affermando: «Lana Del Rey […] nelle foto è davvero bella, ma è costruita con tutti quei suoi impianti».

Infine, il polverone di polemiche intorno a questo personaggio non poteva non puntare alle strategie di marketing: molto diffuso, infatti, è il pensiero secondo il quale la star statunitense rappresenti un'operazione commerciale a tutti gli effetti.
 
Dunque l'idea che Lana sia un prodotto discografico senza talento è suffragata, non solo dalla dimostrazione live della sua non proprio ugola d'oro, ma anche da una sua immagine anni Quaranta così smaccatamente fittizia e studiata a tavolino.

Gli strascichi della pessima figura in diretta tv e della delusione provocata negli ammiratori, hanno fatto sì che la cantante, in accordo con il proprio management, abbia cancellato il mini-tour di trenta date negli USA, previsto per la prossima primavera.
Non possiamo immaginare quali risvolti rivelerà questa strana vicenda e soprattutto se Lana Del Rey verrà “riabilitata” appieno dal web, dalla critica e dai fans, dopo l'imperdonabile gaffe. Una cosa è comunque certa, chi vive in questo mondo ama stare sotto i riflettori e molto spesso la filosofia che circola nell'ambiente è: “Non importa che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli!”.


I video dell'esibizione al “Saturday Night Live”:
Tag:  Lana Del Rey, Videogames, Born to die, Saturday Night Live, You Tube

Commenti

10-02-2012 - 09:39:37 - Viviana Biffi
questa giornalista così determinata farà strada ragazze! chapeau!
10-02-2012 - 10:06:51 - Stella
bell'articolo!
10-02-2012 - 10:57:30 - Federica
Non conoscevo il fenomeno Lana Del Ray, ma in un articolo ben scritto e piacevole sei riuscita a rendermi chiaro tutto! Complimenti!!
10-02-2012 - 11:09:00 - Carlotta
Grazie mille Chiara, volevo farti personalmente e pubblicamente i miei complimenti per l'articolo in sé e per la tua efficienza! Sai quanto volevo che parlassimo di Lana Del Rey su MRS e tu hai saputo cogliere la giusta occasione (anche se purtroppo non molto felice) per scrivere del suo personaggio e della sua evoluzione - o meglio: involuzione - senza tralasciare il fattore news! Brava!!!
11-02-2012 - 22:52:21 - Ombretta
Grazie Chiara sei sempre molto brava! Non conoscevo Lana Del Ray e dopo aver visualizzato il Video games con molta attenzione confesso che certamente non acquisterò il suo CD. Non è il mio genere e ritengo non abbia una voce meravigliosa come Adele che hai trattato nel precedente articolo. Baci
15-02-2012 - 09:29:35 - sabrina minetti
bellissimo articolo, ottima penna!
15-02-2012 - 11:17:59 - Chiara Caretoni
La soddisfazione di vedere i propri articoli pubblicati è incommensurabile... Ma lo è ancor di più suscitare l'interesse del lettore e ricevere così tanti complimenti. Vi ringrazio tantissimo!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni