Errani-Vinci sul tetto del mondo

Sara Errani e Roberta Vinci si aggiudicano gli Australian Open. Che orgoglio per lo sport italiano!

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Pochi giorni ancora prima dell’inquietante “the end”. Il film del calciomercato che anni fa inorgogliva il nostro calcio scaricando a ritmo di salsa e merengue campioni su campioni agli aeroporti di Milano e Torino, questa volta assume i toni di un incubo. Uno come i tanti, a dirla proprio tutta, che ci accompagnano da qualche stagione, da quando i soldi, e con essi i grandi giocatori, preferiscono volare in terre straniere, ricche di possibilità che in Italia non esistono più.

Colpi in extremis? Può anche darsi. Ex giocatori vogliosi di dare a se stessi l’opportunità di dimostrare di valere ancora qualcosa. O campioni che hanno scelto lidi sconosciuti e vorrebbero, ormai superati i trenta, tornare alla ribalta su campi prestigiosi. Niente, a parte questo. Niente per cui valga la pena restare con il fiato sospeso in attesa di un comunicato ufficiale.

Ma per fortuna non esiste solo il calcio. Mentre il pallone vive un Carnevale anticipato fatto di bombe di mercato che rasentano il ridicolo, per la frequenza e per la modalità con cui vengono sferrate, confermate e un istante dopo smentite, ci pensa il tennis nostrano a riempirci d’orgoglio.

Sara Errani e Roberta Vinci ci hanno regalato venerdì una mattinata di sorrisi autentici, infilando a Melbourne il terzo successo negli ultimi cinque tornei dello Slam. Numeri da capogiro. Numeri da fuoriclasse. Dopo il trionfo sulla terra rossa del Roland Garros e i festeggiamenti di New York con il sigillo agli Us Open nella stagione 2012, è l’Australia a tingersi d’azzurro.

Perdere una finale di fronte al proprio pubblico, sicuramente rientra tra gli incubi di ogni sportivo. Sfiorare il titolo per due anni consecutivi e vederlo sfumare all’ultimo atto, lo è altrettanto.

Ma vivere il brutto sogno, questa volta, è toccato alle avversarie del tandem Errani-Vinci, le australiane Ashleigh Barty e Casey Dellacqua, al termine di una battaglia protrattasi per un’ora e 42 minuti e chiusa in tre set (6-2 3-6 6-2).

È un successo storico quello messo a segno dalle due campionesse: mai una coppia interamente italiana aveva trionfato a Melbourne. Dopo aver eliminato le terribili e temibili sorelle Williams, ad arrendersi sotto i colpi delle due azzurre erano state le russe Makarova e Vesnina, fino alla finalissima di fronte alle padrone di casa.

2013 inaugurato col botto, disfatta dello scorso anno per mano della coppia Kuznetsova-Zvonareva oramai archiviata, prima posizione nel ranking mondiale in saccoccia. Il cielo del tennis è sempre più azzurro…
Tag:  Sara Errani, Roberta Vinci, Australian Open, tennis, doppio femminile, vittoria

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni