Il golf e le donne

E chi l'ha detto che il golf è solo uno sport da uomini?

di Benedetta Bagni

Pubblicato mercoledì, 2 marzo 2011

Rating: 5.0 Voti: 5
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Golf Accademy di Palazzo Arzaga
Il golf - quello che un tempo era uno sport misogino ed elitario per soli uomini, con club privati, dove le donne non potevano nemmeno entrare - è ormai diventato una passione anche femminile.

Nonostante le donne possano solo dal 2007 partecipare alla gara più importante del mondo, la Old Corse nel tempio del golf il campo di Saint Andrews in Scozia, sono comunque sempre di più coloro che si avvicinano a questo sport perché conquistate dal camminare su un soffice manto erboso, avvolte da un intenso profumo di erba umida appena tagliata, mentre la mente si concentra su ferro, pallina, swing alla ricerca del feeling giusto.

Servono impegno, concentrazione e tanta pazienza per iniziare questo sport che richiede molta tecnica e allenamento. Il modo migliore per iniziare è farsi seguire da istruttori esperti che si possono trovare, ad esempio, nella Golf Accademy di Palazzo Arzaga (www.palazzoarzaga.com), un resort sulle colline del Lago di Garda a trenta minuti da Verona, che dispone di due campi da golf: uno con 18 buche par 72 (Resort Championship Course) che è stato progettato da Jack Nicklaus, ed uno a 9 buche par 36 (Inland Links Course) creato da Gary Player.

Si comincia con un’introduzione da parte del maestro nel campo pratica per poi passare alla sperimentazione della prima buca. Quando l’istruttore si rende conto che nonostante i primi difficilissimi momenti in cui quella pallina sembra essere ancora più piccola di come appare, alla base c’è davvero la voglia di imparare può allora insegnare i fondamentali gioco: da come impugnare il bastone (grip), a quale posizione assumere rispetto la pallina (address), al movimento del corpo per far partire la palla (swing), ai primi colpi di approccio al green (pitch shot e chip shot).
 
La sensazione più forte è quando si sente il bastone vibrare leggermente, si riesce a colpire la pallina e la si vede volare lontano.
Poi, dopo una partita a palazzo Arzaga ci si può rilassare nella spa con una sauna o un delicato massaggio.

Anche la moda dedica sempre maggiore attenzione al mondo del golf: importanti maison come Louis Vuitton  e Prada hanno da tempo realizzato lussuose sacche e accessori dedicate a questo sport, ma è sull’abbigliamento che gli stilisti si possono sbizzarrire per distinguere le giocatrici dai loro compagni uomini. I tessuti sono leggeri e traspiranti adatti alla vita all’aria aperta ed impermeabili per chi non rinuncia ad uno swing nemmeno sotto un temporale.
 
Ispirata alla sfera del golf è anche la nuova profumazione d’ambiente di Culti, dal nome evocativo Club House Spin, che già nella boccetta richiama la caratteristica pallina e rilascia una fragranza di erba verde e muschio per rivivere le stesse emozioni anche tra le mura domestiche.
Tag:  golf, donne, Golf Accademy di Palazzo Arzaga, Vuitton, Culti

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni