All Good Things

Quando la famiglia si trasforma in un lager

di Stefano Magni

Pubblicato martedi, 21 dicembre 2010

Rating: 4.5 Voti: 15
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
All Good Things è un coraggioso pugno nello stomaco. Film che molti davano per disperso sin dall’inizio (girato nel 2008, è stato palleggiato da un distributore all’altro per due anni, prima di uscire in poche sale negli Stati Uniti all’inizio di questo mese) può essere visto quasi esclusivamente su Internet come Video on Demand. Arriverà mai in Italia? Non è ancora dato saperlo. Ma sarà difficile, se si parte dal presupposto che il film riguarda un vecchio caso irrisolto di omicidi seriali, molto noto oltre oceano, ma totalmente sconosciuto qui in Italia.
 
Se lo guardiamo distrattamente, farà questa fine. Ma ad una seconda e più approfondita visione scopriamo il suo vero significato. Molto più ambizioso e soprattutto più universale.
 
Lungi dal volersi sostituire ai detective o di girare un episodio di “Cold Cases”, il regista Andrew Jarecki (nomination all’Oscar per “Capturing the Friedmans”) ha voluto rappresentare ben altro. Ha investito tutto sull’interazione di tre straordinari protagonisti, un carismatico (ma nel male) Ryan Gosling, un’appassionata Kirsten Dunst e un glaciale Frank Langella, vero oscuro motore di tutta la storia.
 
Andrew Jarecki parte da un caso vero, anche se cambia leggermente i nomi dei suoi protagonisti. Il rampollo di una ricchissima famiglia di immobiliaristi sposa una vivacissima studentessa per andare a vivere una nuova esistenza a contatto con la natura. Ma il padre lo riconduce ben presto “alla ragione”. Finché il rampollo (già traumatizzato dal suicidio di sua madre), la sua ragione la perde del tutto. A spese della moglie. Prima costretta ad abortire, poi a subire la tirannia di un marito che non vuole che completi gli studi, infine le botte e le minacce. La relazione diventa una storia di tentativi falliti di fughe e ribellioni della donna, finite sempre con un mesto rientro “all’ovile”. Che ormai non è più un rifugio sicuro, ma un luogo di tortura. Il “giallo” inizia quasi alla fine del film: la moglie-vittima scompare, sul marito si accumulano sospetti. Non solo per la sparizione della donna, ma anche per altri due omicidi.
 
Ma il mistero non è l'elemento centrale della storia. Questo non è un thriller, non aspettatevi tensione o colpi di scena, tantomeno azione. Questo è un film dolente, buio(anche nelle scene) che vuol rappresentare una sola cosa: la lenta trasformazione di una famiglia in un lager. Dal quale la vittima non riesce a fuggire, non tanto perché non ne abbia la possibilità, ma perché continua ad amare il carnefice, nonostante le sevizie continue, psicologiche e fisiche. Come in un campo di concentramento, il kapò-torturatore è a sua volta vittima: il marito-carnefice è un prodotto della violenza psicologica infertagli dal padre.
 
Tutto il resto (potere, ricchezza, suspance) è sfondo. In primo piano c’è solo la dinamica di oppressione familiare. E un obiettivo che si sfiora sempre, ma non si raggiunge mai: l’indipendenza della donna.
 
Tag:  All Good Things, Andrew Jarecki, Kirsten Dunst, caso irrisolto, moglie-vittima, marito-carnefice, oppressione familiare

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni