Flash Forward dopo una sola stagione ha già visto la sua fine.

Non ce l’ha fatta a superare la guerra degli ascolti la serie che puntava sulla visione del futuro

di Elena Maria Manzini

Pubblicato lunedi, 31 maggio 2010

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Le premesse erano tutte molto buone: una trama intrigante, attori già testati e conosciuti al grande pubblico, la sovrapposizione con l’ultima stagione di Lost che avrebbe dovuto passare il testimone,autori blasonati. Invece Flash Forward non è riuscito a catturare il pubblico come avrebbe dovuto ed è già arrivato all’ultima puntata. “La scelta di Sophie”, come l’ha definita il presidente della ABC Steve MacPherson, è stata presa tra Flash Forward e V che ha raccolto gli stessi ascolti del primo (molto bassi), ma vanta un resistente numero di fan dall’originale degli anni ottanta. 
Ma tutto questo rappresenta la fine. Facciamo un Flashback sull’inizio. 
Il 24 settembre 2009 più di 12 milioni di spettatori hanno visto la puntata pilota della serie che ha richiamato l’attenzione dei molti appassionati di serie corali poliziesco-paranormali. Un black out colpisce tutti gli abitanti del pianeta terra che perdono conoscenza per 2 minuti e 17 secondi durante i quali hanno una visione di cosa accadrà loro alle 22 del 29 aprile 2010. Milioni sono i morti e ingenti i danni. E il mondo si chiede: chi sono gli autori di questo disastro e perché? Ma soprattutto, il futuro può essere cambiato o e’ ineluttabile? Queste le domande che avrebbero anche dovuto ancorare gli spettatori al teleschermo, ma non è successo. 
A nulla è valso l’utilizzo di un protagonista come Joseph Finnes che, oltre ad essere il fratello delfamosissimo Ralph, è noto da tempo come la migliore incarnazione cinematografica di William Shakespeare. A nulla due degli attori minori più amati di Lost in ruoli chiave, Dominic Monaghan e Sonya Walger (Charlie e Penny in Lost). A nulla la scelta autoriale di far correre la trama quasi in parallelo con la messa in onda e di fissare il 29 aprile 2010 come data certa per la rivelazione della veridicità delle visioni dei protagonisti. 
Alla fine di Novembre Flash Forward già navigava in cattive acque e il numero di spettatori era sceso a meno di 5 milioni tanto che la rete ha deciso di far prendere una lunga pausa al serial e di rimetterlo in palinsesto solo il 18 marzo 2010. 
Probabilmente gli autori non avevano bisogno di un flashforward sul loro futuro per capire che non c’era più nulla da fare. La fatidica data del 29 aprile era ormai troppo vicina per sviluppare al meglio la trama e l’annuncio di un secondo possibile black out un colpo di scena, evidentemente non abbastanza interessante per rialzare gli ascolti. Cosìl’ultima puntata e’ arrivata con qualche effetto speciale, qualche spiegazione, qualche scena eroica e tanti appunti su come fare meglio nella prossima serie.
Tag:  Flash Forward, Joseph Finnes, Lost, Finale serie

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni