Cucina Kosher

Tra benessere e spiritualità: regole e curiosità dell’alimentazione ebraica

di Francesca Gamba

Pubblicato mercoledì, 13 novembre 2019

Rating: 5.0 Voti: 1
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Kosher, kasher, kasherut… sono molti i termini che ruotano attorno alla cucina che rispetta i precetti della religione ebraica.

Un alimento viene definito kosher (“conforme”, “adatto”), quando è perfettamente in linea con i dettami della Torah, il testo di riferimento della tradizione religiosa giudaica. Le motivazioni di queste norme, definite kasherut, sono principalmente di carattere sacro e si basano sul rispetto della natura, degli animali e sulla netta distinzione tra questi ultimi e gli esseri umani, per i quali il cibo deve essere considerato fonte di alimentazione spirituale.

Basta notare la crescente offerta di ristoranti kosher nelle nostre città per comprendere come questo tipo di cucina stia iniziando a suscitare l’interesse delle persone al di fuori della comunità ebraica.

Gli alimenti kosher, affinché vengano certificati tali, devono soddisfare standard di qualità molto alti ed è per questo che godono di ottima fama in termini di genuinità, purezza e utilità per chi dovesse soffrire di intolleranze.

Quella kosher, non essendo una scuola gastronomica ma una precisa modalità di preparazione degli alimenti, si può applicare nella realizzazione di ricette appartenenti alle tradizioni culinarie più svariate. Sulle tavole dei ristoranti specializzati si possono così trovare sia piatti mediorientali, sia rivisitazioni di pietanze italiane e internazionali… l’importante è seguire queste poche ma rigide regole:
  1. mangiare esclusivamente carne di mammiferi ruminanti e con lo zoccolo fesso (diviso in due), avendo cura di macellarli mediante un procedimento indolore e che ne elimini completamente il sangue;
     
  2. mai abbinare carne e latticini durante lo stesso pasto. Regola estesa anche all’utilizzo degli utensili da cucina, i quali non possono venire utilizzati per cucinare alternativamente i due tipi di alimenti;
     
  3. tutto ciò che non è carne o latticini viene chiamato cibo parve e può essere consumato liberamente… attenzione però ai pesci, sono consentiti solo quelli aventi pinne e squame!
Tag:  cucina kosher, alimentazione ebraica, torah, ristoranti kosher

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni