Julia Child, donna ai fornelli nei lontani anni '60

A dieci anni dalla sua morte, scopriamo chi era Julia Child, pioniera dei programmi culinari in televisione

di Laura Argelati

Pubblicato lunedi, 28 luglio 2014

Rating: 5.0 Voti: 17
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Molti probabilmente sanno qualcosa di lei grazie al film "Julie & Julia" uscito nel 2009, dove la giovane Julie si riproponeva di essere una cuoca meritevole quanto lo era stata anni e anni prima Julia Child.  Un modello nel film ma un modello anche, e soprattutto, nella realtà.

Julia Child è nata nel 1912 in California ed è scomparsa il 13 agosto 2004. È stata una delle prime donne a cucinare in tv. Oggi i canali televisivi sono pieni di programmi culinari di qualsiasi genere, ma all’epoca il fatto che fosse una donna a insegnare alle casalinghe a cucinare e che lo facesse attraverso la televisione, era qualcosa di veramente insolito.

La signora Child (da nubile Julia Carolyn McWilliams) si diplomò nel 1934 e lavorò per anni in ambito giornalistico e pubblicitario; nel 1946, a seguito della Seconda Guerra Mondiale, sposò Paul Cushing Child trasferendosi con lui a Washington. L’uomo lavorava in ambito diplomatico e aveva vissuto per anni a Parigi, sviluppando gusti culinari elaborati e un palato fino. Nel 1948 i due coniugi si trasferirono nella capitale francese e fu allora che la signora Child iniziò a dedicarsi alla sperimentazione della cucina francese. Alta quasi un metro e novanta, corpulenta, un po’ pasticciona e un po’ imbranata, guardata male dai colleghi tutti maschi,si dimostrò però estremamente tenace e determinata. Frequentò scuole di cucina di alto livello tra cui la famosissima Cordon Bleu e, assieme a due colleghe, fondò la scuola di cucina L’Ecole de Trois Gourmandes, scrisse e pubblicò il manuale di cucina Mastering the Art of French Cooking, destinato a far conoscere alle donne americane la cucina francese.

Sull’onda del grande successo, sempre crescente, riscosso dal libro e dalla sua scuola, la signora Child continuò a studiare per migliorarsi sempre più. Per far conoscere il libro al grande pubblico, la signora fu invitata a una puntata di una tv locale di Boston durante la quale cucinò in diretta: la puntata conquistò un alto audience e così l’emittente televisiva ingaggiò Julia Child per un programma culinario in cui avrebbe ogni giorno insegnato una ricetta alle telespettatrici.  Il programma riscosse ancor più successo del libro e venne diffuso da ben 96 canali televisivi statunitensi. Seguirono altri manuali di cucina e un successo sempre maggiore.

Ormai ottantenne la signora Child ha lasciato la sua casa del Massachussetts per tornare in California e ha donato la sua cucina e i 1200 utensili che essa conteneva allo Smithsonian’s National Museum of American History; questo, nell’agosto 2002, ha ricreato la cucina ridonandole lo stesso identico aspetto che aveva durante i programmi condotti dalla signora e ne ha fatto una mostra aperta al pubblico.

A seguito della sua morte, avvenuta nel 2004, è stato pubblicato un nuovo libro dedicato alla vita della signora Child, “My life in France” e nel 2009 è uscito il film “Julie and Julia” con Meryl Streep e Amy Adams.

Anche il personaggio di Julie Powell è reale, così come lo è la sua storia: la scrittrice americana appassionata di cucina e della storia di successo di Julia Child, si mette in testa di voler seguire le orme della pioniera dei programmi culinari della tv e si impegna a cucinare ogni giorno una delle ricette della signora Child, tenendo un diario online quotidiano dove racconta di se stessa e della sua avventura, tra successi e fallimenti, proprio come era stato anni prima per il suo idolo.

Ed ecco a voi una delle più celebri ricette di Julia Child: la sua torta di mele (Tarte normande aux pommes)!

Ingredienti per l’impasto:
225 grammi di farina 
180 grammi di burro freddo 
2 cucchiai di zucchero 
4 cucchiai di acqua fredda 
Una presa di sale 

Ingredienti per il ripieno:
500 grammi di mele reinette
150 ml di panna fresca
120 grammi di zucchero 
1 uovo
30 grammi di farina
3 cucchiai di Calvados o Cognac o Grappa 
Mezzo cucchiaino cannella 
Zucchero a velo q.b.

Preparazione:
Per preparare la base, mescolare farina, zucchero e sale. Unire il burro freddo tagliato a piccoli cubetti e impastare il tutto per incorporare il burro agli altri ingredienti. Aggiungere un cucchiaio di acqua per volta, impastando, fino ad ottenere una palla di pasta elastica. Avvolgere l’impasto nella pellicola trasparente e riporlo in frigorifero a riposare per due ore.
Sbucciare le mele e tagliarle a fettine spesse circa 4-5 mm. Trasferirle in una teglia, cospargerle con la metà dello zucchero e con la cannella e mescolare con le mani in modo da condire bene le fettine di mela.
Stendere la pasta prelevata dal frigorifero ad uno spessore di circa 5 mm, trasferirla in una teglia e bucherellare con una forchetta. Mettere della carta d’alluminio e dei fagioli secchi sopra lo strato di pasta, in modo da non farla gonfiare durante la cottura ed infornare a 190° per 10 minuti. Passati i 10 minuti togliere l’alluminio ed i fagioli e far cuocere ancora per 5 minuti.
Prelevare dal forno e stendere sulla pasta le mele condite con cannella e zucchero.
Sbattere l’uovo con il restante zucchero ed unire panna e liquore scelto. Versare la crema sulle mele e cuocere ancora a 190° per altri 15 minuti. Spolverare con zucchero a velo e ripassare in forno ancora per 2-3 minuti utilizzando la funzione grill.

Accompagnare con crema alla vaniglia o gelato.
Tag:  Julia Child, Julia & Julia, Julie Powell, Cucina, Programmi culinari in tv, Francia, Stati Uniti, Film

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni