La dieta mediterranea non è una dieta. Il Convegno

Si è tenuto mercoledì 18 Gennaio, presso la Sala Indro Montanelli del Corriere della Sera, in Via Solferino 26, un importante incontro volto a sottolineare gli effetti benefici della dieta mediterranea, con un protagonista d’eccezione: l’olio d’oliva

di Marta Elena Casanova

Pubblicato lunedi, 23 gennaio 2012

Rating: 0.0 Voti: 0
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La Fondazione della Dieta Mediterranea e la Masseria San Domenico, situata sul litorale tra Bari e Brindisi e nota per l’accoglienza dei suoi ospiti in una SPA specializzata in cure telassoterapiche, hanno dato il via a una collaborazione per raccontare quanto gli alimenti della nostra terra siano utili non solo per la nostra linea ma anche e soprattutto per la nostra salute.

La Fondazione della Dieta Mediterranea, con sede a Ostuni, è nata proprio con lo scopo di divulgare gli effetti positivi della dieta e curare le malattie croniche associate all’alimentazione.

Per questo motivo il Segretario della Fondazione, il Dottor Agostino Grassi, è intervenuto durante l’incontro insieme al Prof. Gaetano Crepaldi, Presidente di Dieta Mediterranea e Professore Emerito dell’Università di Padova, al Dott. Mimmo Lacirignola (Direttore Istituto Gastronomico del Mediterraneo), alla Dott.sa Srefania Maggi (Dirigente di Ricerca CNR Invecchiamento) e ad altri luminari italiani, al fine di riportare importanti scoperte scientifiche utili per la vita di ognuno di noi.

Quello che è emerso è che la dieta mediterranea dona un vero e proprio aiuto nella prevenzione all’aumento di peso. EPIC-PANACEA, un’indagine condotta in dieci paesi europei, ha riportato che la nostra dieta, caratterizzata da elevato consumo di olio di oliva, legumi, cereali integrali, frutta e verdure ed integrata da un giusto consumo di latticini, vino, carne e pesce, risulta essere un vero e proprio toccasana: oltre il controllo del peso è in grado di intervenire contro il diabete di tipo 2, l’ipertensione, la sindrome metabolica, malattie cardiovascolari e tumori.
 
È stato osservato che in media gli esseri umani aumentano di peso ogni 5 anni dai 2 ai 5 kg. Non con la dieta mediterranea, però. Sugli individui sottoposti a studi si è infatti notato il contrario: un calo di peso di 0,6 Kg ( pari a 160 grammi). E questo grazie all’elevata assunzione di fibre e il basso indice glicemico.

Ma il vero protagonista dell’incontro è stato l’olio d’oliva.

Una storia interessante quella raccontata dal Dottor Grassi, che ha spiegato come durante un meeting di gastronomia molecolare, Gary Beauchamp e Paul Breslin del Monell Chemical Senses Center di Philadelphia, abbiano avuto, tramite la sensazione lasciata sulle papille gustative,  la vera e propria illuminazione che l’olio potesse avere effetti benefici: una sostanza, poi nominata da Beauchamp oleocantale, pare abbia infatti un’attività farmacologica anti-infiammatoria, come quella dell’ibuprofene contenuto in molti medicinali analgesici.

Ma non solo, perché l’oleocantale è in grado di alterare la struttura delle proteine neurotossiche che favoriscono il morbo di Alzheimer, impedendo a queste di attaccare le sinapsi compromettendo così il normale funzionamento del cervello.

Un argomento più che mai attuale, insomma.L’alimentazione si sa è importantissima per mantenere il peso forma ma soprattutto il corretto funzionamento del nostro corpo, delle nostre cellule e dei nostri organi. Oggi però scopriamo anche che i prodotti della nostra tavola ci possono dare un aiuto concreto nella prevenzione di malattie anche molto gravi.

Un argomento da approfondire.
Tag:  Dieta mediterranea, peso, malattie, olio d'oliva, Dottor Agostino Grassi, EPIC-PANACEA

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni