Natale 2013. Cosa ci sarà sulla tavola degli italiani?

In Italia di sceglie di tagliare il budget per regali e viaggi, ma non si rinuncia all’atmosfera di una bella tavola imbandita a cui sedersi con parenti e amici

di Laura Argelati

Pubblicato lunedi, 9 dicembre 2013

Rating: 5.0 Voti: 24
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Giorno dopo giorno televisione, giornali e radio ci forniscono i poco rassicuranti dati della crisi economica che grava sul nostro Paese, e anche con l’avvicinarsi del Natale, chiaramente - e purtroppo -, la situazione non cambia di una virgola. Gli italiani si apprestano così a vivere le festività con qualche cambiamento rispetto al passato e, soprattutto, con qualche accorgimento in più.

In effetti, anche se la crisi pesa, niente vieta di vivere comunque le feste serenamente, ridimensionando un po’ spese e abitudini.

Un sondaggio condotto dall’istituto di ricerca SWG tra le famiglie italiane rivela che circa il 60% degli italiani taglierà il budget destinato a regali, addobbi e articoli natalizi per non dover intaccare la spesa prevista per i pranzi e le cene delle feste. Inoltre, ci sarà un taglio di circa il 17% su viaggi e spostamenti durante periodo festivo, e circa il 90% degli italiani trascorrerà il Natale e il Capodanno a casa o da amici e parenti, rinunciando a sontuosi pasti al ristorante.

Quindi qualche pacchetto regalo in meno sotto l’albero, ma nessuna grande rinuncia e nessun forte crollo sul fronte alimentare e gastronomico. Per la quasi totalità degli italiani, infatti, è la tavola imbandita a cui sedersi con parenti e amici il vero fulcro delle feste.

Come ogni anno, a farla da padrone saranno per lo più le tradizionali ricette natalizie e le specialità regionali tipiche delle festività: tortelli e agnolotti, cappelletti e passatelli, cavallucci e ricciarelli, struffoli e cannoli, cappone e tacchino ripieno e, ovviamente, panettone e pandoro. A Capodanno i protagonisti resteranno le classiche lenticchie, il cotechino e lo spumante italiano, prodotti preferiti dagli italiani a scapito dei più costosi articoli d’oltre confine, come ad esempio champagne e caviale.

Con il progressivo calo del potere d’acquisto delle famiglie italiane, negli anni i regali sono diventati sempre più “pensierini”, ma un’alternativa carina e soprattutto economica in crescita è quella di ricorrere a regali fatti personalmente in casa: marmellate, sughi, conserve, liquori, biscotti e via dicendo, confezionati in modo semplice ma originale possono essere un valido aiuto al contenimento delle spese, senza sfigurare di fronte ad amici, parenti e colleghi.

Ci saranno forse meno articoli preziosi nei pacchi regalo sotto gli alberi nostrani, ma se il taglio al budget a essi destinato ha come scopo dare la precedenza alle portate di pranzi e cene, puntando così sulla convivialità e sull’importanza di trascorrere le feste in famiglia e con amici, allora ben venga… E a fronte di una tanto nobile causa, ben vengano pure gli etti in più che le festività, tradizionalmente, ci lasciano in dono…
Tag:  Natale 2013, Capodanno, Festività, Tradizioni, Crisi economica, Italia

Commenti

11-12-2013 - 07:29:27 - anonimo
interessante! Gaia
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni