Direttamente dai pazzi anni '80: la "spallina" con furore

Il pezzo da museo che vogliamo rispolverare in questo numero, non è un vero e proprio capo d’abbigliamento ma una parte di esso: le spalline (negli anni ‘80 sapientemente inserite in ogni capospalla ndr). E per non farci mancare nulla vorrei restare sui generis e prendere in esame la mitica giacca con le spalline

di Dea Mazzilli

Pubblicato lunedi, 17 maggio 2010

Rating: 3.9 Voti: 11
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Ai vostri occhi era stupenda, così alla moda, così particolare, così dotata di air bag.
Vi piaceva da morire quando l’avete acquistata e nemmeno per un minuto avete pensato di assomigliare a Madonna quando non mangiava ancora macrobiotico. Oggi, invece, vi sentite morire solo a guardarla, figuriamoci indossarla!
Attenzione però a quanto sto per dirvi perché, senza presunzione, mi sto accingendo a farvi cambiare idea. E io so essere davvero molto convincente, come ormai avrete capito!
Le spalline furono uno status simbol negli anni ottanta e.. badate bene: stanno tornando! Oggi quegli anni ci ispirano abbinamenti particolari e fuori dall’ordinario: maglie a pipistrello, leggings (i vecchi fuseaux), stampe, righe e giacchini corti spopolano nelle vetrine e noi facciamo a gara per accaparrarci il pezzo all’ultimo grido!

Per il giorno
Senza esagerare, affermo e sottoscrivo che la giacca “corazzata” abbinata ad una t-shirt (se l’idea è di andare in giro a fare shopping), oppure ad una camicia (se vi tocca una giornata in ufficio), è semplicemente chic. L’accostamento sbarazzino che invece prediligo è quello composto da maglietta coloratissima e gonna “molto poco gonna”, quindi una mini oppure a ruota, con stivali rasoterra, morbidi e in camoscio.

Per la cena
Essere sofisticate, questa la parola d’ordine! Alla giacca “alata” accostate un tubino scuro o un pantalone asciutto, accessori dorati e capelli raccolti. Il make up in questo caso è fondamentale: un rossetto rossissimo sulle mette in risalto le labbra sottili ed inturgidisce quelle carnose, dando a tutte una pennellata di colore. Il consiglio per le scarpe cade sui sandali che sdrammatizzano l’effetto giacca da giorno e la rendono particolare ed estemporanea.

Per la serata
Amiche mie, per un after dinner nei locali più in o un party in discoteca, esibite il vostro “nuovissimo” vintage con spalline, una maximaglia e dei leggins scuri, neri o blu, a seconda degli altri colori scelti. Una pochette ultrapiatta e un copricapo stile basco faranno di voi delle stilosissime ancelle della signora Louise Veronica Ciccone.

 
E se colte da improvviso fervore artistico deciderete di mettervi a cantare Material Girl nel bel mezzo dell’esclusiva festa Vip a cui state presenziando – e per la quale mi sono appena adoperata per abbigliarvi - vi prego, filmatevi e mandate tutto al mio indirizzo di posta!

Bene mie piccole fan delle spalline, come di consueto mi congedo da voi rinnovandovi la mia stima e sperando di aver fatto resuscitare un altro vecchio e, apparentemente, sepolto capo d’abbigliamento, che altre colpe non ha avuto se non di essere stato troppo alla moda un po’ troppi anni fa.

E ricordate che l’abbigliamento è come una bella donna: anche se invecchia la sua bellezza si trasforma, ma non svanisce!!!
Tag:  anni '80, spalline, giacca da donna, Madonna, leggins

Commenti

15-10-2014 - 14:24:48 - madonna
lo stile anni ottanta mi piace molto ,le borchie ,le giacche in pelle ,gli stivali neri o con le borchie sono le mie cose preferite , forze da grande organizzero un matrimonio anni ottanta proprio come mi piace a me ,lo stile anni 20 o anni 50 non mi piace invece quello anni 80 molto ,le cose recenti non mi piacciono mai .non mi piace essere alla moda perche sono io che piano piano ricosruirò la moda degli anni ottanta
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni