Ceramica su zirconia mediante il sistema CAD-CAM

di Dott. Nicola Menna

Pubblicato mercoledì, 18 maggio 2011

Rating: 4.4 Voti: 15
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci

Fig. 1
Fino a poco tempo fa, le corone in ceramica venivano confezionate nei laboratori odontotecnici attraverso due fasi di lavorazioni successive: la prima prevedeva la costruzione di una parte metallica (con la fusione di oro per ceramica) sul moncone protesico; la seconda consisteva nella cottura della ceramica, sopra la parte metallica. L’evoluzione della tecnologia ha permesso di sostituire nella prima fase l’anima di metallo con un materiale rivoluzionario: l'ossido di zirconio. E’ tuttavia doveroso precisare che questo nuovo sistema non soppianta quello tradizionale, ma ne costituisce solo una valida alternativa.
 

Fig. 2
La tecnologia cad-cam è costituita da due unità. L’unità CAD &egrcve; composta da uno scanner e da un software specifico impiegati per l’acquisizione della forma del moncone naturale (fig. 1) e dall’ideazione virtuale della cappa in zirconia (fig. 2); l’unità CAM è un fresatore a controllo numerico, il quale realizza, per sottrazione da blocchi completamente sinterizzati, il pezzo progettato. La qualità di questi manufatti è assolutamente prevedibile e altamente ripetibile; il materiale, non essendo sottoposto ad alte temperature, non subisce un’alterazione delle proprietà fisiche. Inoltre la fresatura consente un’ottima precisione marginale a livello del colletto del dente.


Fig. 3

Altri vantaggi meccanici, rispetto ad una travata in metallo, sono i seguenti: estrema durezza, che consente di costruire ponti in ceramica con intermedi lunghi anche fino a tre o quattro denti (fig. 3); maggiore leggerezza e minore spessore, che consentono di sottrarre meno dentina durante la preparazione del dente naturale; la preparazione viene eseguita in un solo tempo, escludendo le possibili saldature (e quindi una prova in meno per il paziente). La zirconia presenta infine una bassa translucenza, non è influenzata da aree discromiche del moncone sottostante e garantisce alla ceramica particolari effetti di luce calda e di naturalezza del dente.

Una corona in ceramica, costruita su una “cappetta” di materiale biocompatibile, presenta la bellezza della ceramica integrale (cioè che non poggia su alcuna “cappetta” sottostante e incapace di sopportare i grandi carichi masticatori  nelle travate di ponte) ed è quindi quanto di più vicino al dente naturale si possa immaginare. Ha d’altra parte una resistenza paragonabile a quella del metallo ed è adatta a ricostruzioni protesiche in qualsiasi settore della bocca. Essendo priva di leghe metalliche, la corona in ceramica-zirconia elimina anche il pgricolo di reazioni allergiche presenti in un numero sempre più crescente di pazienti.
 

Fig. 4
Nel 2006 abbiamo provveduto alla costruzione di un manufatto di sei denti su un’arcata mascellare superiore in ceramica su zirconia. Nella figura 4, possiamo notare la preparazione protesica di quattro denti anteriori due canini e due laterali di destra e sinistra dell’arcata superiore. La paziente era una donna di 51 anni, affetta da parodontopatia diffusa e allergica ad alcuni metalli, desiderosa di avere unicamente una protesi fissa.

Fig. 5
Era prevista la costruzione di un ponte in ceramica che occupasse anche i due denti centrali mancanti e che avesse una maggiore leggerezza possibile proprio per non gravare sulla mobilità dei denti pilastro.


Fig. 6
E’ stata costruita, con il sistema cad-cam, una travata in zirconia (fig. 5), sulla quale è stata cotta la ceramica per la confezione del manufatto definitivo (fig. 6).
In fig.7 si può osservare il risultato finale in bocca.
Allo stato attuale la paziente conserva ancora le stesse caratteristiche del manufatto protesico di cinque anni fa.



Fig. 7


In conclusione ricordo tutti i vantaggi della ceramica zirconia:
 
- anallergicità del manufatto;
- maggiore leggerezza del ponte (la zirconia è più leggera del metallo);
- minore spessore della cappetta che ha consentito di asportare minore quantità di dentina (è stata infatti mantenuta la vitalità dei denti);
- uguale resistenza meccanica della zirconia con il metallo;
- migliore estetica anche a livello del bordino sottogengivale.

Unico svantaggio: costo superiore del manufatto.
Tag:  Ceramica su zirconia, sistema cad-cam, ossido di zirconio, anallergico, costo

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni