Protesi mobile ad ancoraggio implantare

di Dott. Nicola Menna

Pubblicato lunedi, 20 giugno 2011

Rating: 4.3 Voti: 3
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
La richiesta di impianti diventa sempre più frequente nei soggetti anziani, portatori di protesi mobili da un periodo di tempo più o meno lungo. Il trattamento di pazienti edentuli rappresenterà anche in futuro una buona parte delle prestazioni odontoiatriche, in quanto, grazie al miglioramento e all’allungamento della vita, un numero crescente di pazienti in età avanzata arriverà all’edentulismo totale attraverso diversi stadi di edentulismo parziale. Sia in caso di edentulismo parziale sia in caso di edentulismo totale, il trattamento implantare pre-protesico rappresenta un valido aiuto e in certe situazioni la migliore soluzione del caso clinico del paziente.

Nel caso dell’endentulia totale bisogna distinguere due principali situazioni: il paziente che si accinge per la prima volta a tenere in bocca una protesi totale e il paziente che è già portatore di protesi totale da vecchia data. Nel primo caso è  probabile che ci sia una maggiore quantità di osso residuo mascellare rispetto alla quantità di osso presente in un portatore di protesi di vecchia data. Tuttavia in entrambi i casi un individuo portatore di protesi mobile vuole sapere se potrà sopportare l’inserimento di impianti che dovranno ancorare le dentiere. Egli, cioè, chiede che gli sia assicurato un migliore conforto: la risposta a questa richiesta è sicuramente affermativa, a patto che venga osservata in seguito una scrupolosa igiene orale.

Succintamente possiamo elencare i principali parametri che condizionano il successo di un impianto, e cioè: la quantità di osso nelle tre dimensioni dello spazio, la qualità dell’osso,  l’assenza di controindicazioni locali e generali. Questi parametri sono gli stessi anche per l’implantologia della protesi totale. Tuttavia possiamo dire che a successo implantare raggiunto,  il paziente  è pienamente soddisfatto, in quanto l’aumento della  stabilità della protesi migliora non solo l’atto meccanico masticatorio ma anche la fonazione e  i suoi rapporti interpersonali.  

In figura 1 possiamo vedere l’inserimento di due impianti trasmucosi (avvenuto nel 2005) con due attacchi a sfera avvitati direttamente sull’impianto, in un soggetto maschio di anni settanta, portatore si protesi totale mandibolare da vent’anni. Il paziente ha riferito di non essere mai stato soddisfatto della sua “dentiera” inferiore e che ha sempre utilizzato paste per dentiere di ogni genere. I due attacchi a sfera andavano ad inserirsi nella “cappetta meccanica” inglobata nella resina della protesi (figura 2).
L’attacco a sfera da un punto di vista biomeccanico offre notevoli opportunità di movimento su molti piani dello spazio. Inizialmente, per un miglior adattamento di tessuti molli, veniva effettuata una ribasatura della protesi mobile con una resina termoplastica che permetteva un miglior condizionamento delle gengive e, dopo un periodo di due o tre mesi, veniva effettuata una ribasatura definitiva. Inoltre, con l’attacco a sfera, si poteva offrire al paziente un altro vantaggio: la possibilità di poter  agevolmente inserire la cappetta meccanica anche in una seconda dentiera (normalmente di scorta).

Il paziente ancora oggi è pienamente soddisfatto (figura 3) perché ha una protesi stabilmente ancorata in bocca e ha la consapevolezza che, qualora si dovesse rompere accidentalmente (anche in vacanza), potrà utilizzare la protesi di scorta senza dover ricorrere ad un pronto soccorso odontoiatrico e aspettare comodamente il rientro a casa.








Studio dentistico
DR. NICOLA MENNA

 

 
Medico Chirurgo
DENTISTA
Iscrizione Albo Medici e Chirurghi di Milano n. 23445
Iscrizione Albo Odontoiatri di Milano n. 3155
 
SEDAZIONE CON PROTOSSIDO D’AZOTO
IMPLANTOLOGIA OSTEOINTEGRATA
PARODONTOLOGIA
ORTODONZIA
CONVENZIONATO UNISALUTE
 
VIA MARCO POLO, 8
SAN GIULIANO MILANESE
TEL 02 98491631
e-mail dottormenna04@yahoo.it
 
Tag:  Protesi mobile, endentulia totale, impianti trasmucosi, resina termoplastica, attacco a sfera

Commenti

26-07-2011 - 23:06:29 - anonimo
guarnieri cesare
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni