Primavera e stanchezza

Cosa posso fare per sentirmi meno stanca in primavera?

di Paola Rossini

Pubblicato lunedi, 10 maggio 2010

Rating: 5.0 Voti: 14
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Secondo la medicina tradizionale cinese la stagione primaverile è collegata all’elemento legno e all’organo del fegato che in questo periodo viene esposto a numerose sollecitazioni. In primavera è quindi necessario compiere una purificazione profonda di questo organo, così da sentirsi meno stanchi e affaticati.

Un buon funzionamento del fegato permette di essere molto più progettuali: la primavera rappresenta l’inizio, il nascere, il fiorire e simbolicamente è il periodo più adatto per dar vita a nuovi progetti. Un fegato depurato permette anche di non essere facilmente preda di rabbia e di collera, le emozioni legate all’organo. Tra le piante della tradizione mediterranea, si può utilizzare il gemmo derivato di rosmarino e quello di ginepro. Il crisantello, pianta utilizzata solo dopo la scoperta delle Americhe, in estratto secco viene impiegata con ottimi risultati sul fegato e aiuta anche la circolazione sanguigna. Per la modalità di assunzione e i dosaggi dei rimedi, è sempre consigliato affidarsi alla consulenza di un naturopata esperto che saprà indicare un programma benessere specifico e calibrato sulle esigenze della persona.
Tag:  stanchezza primaverile, fegato, rosmarino, ginepro, crisantello

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni